Home » Benessere » Vaccini, ecco i falsi miti da sfatare

Vaccini, ecco i falsi miti da sfatare

Troppi falsi miti accompagnano i vaccini, da settimane al centro dell’attenzione per le inesattezze veicolate dai mezzi di informazione e per le numerose campagne istituzionali a sostegno di una conquista fondamentale per la salute umana. Per fortuna, i teenager italiani sembrano piuttosto informati: secondo un’indagine della Società italiana di pediatria, il 70% li ritiene necessari. Ma la corretta informazione non basta mai e così la Società italiana di pediatria (Sip) in occasione degli Stati Generali della Pediatria che si celebrano in occasione della Giornata mondiale dei bambino e dell’adolescente ha diffuso un vademecum dei falsi miti da sfatare quando si parla di vaccini e lo ha fatto oggi alla Camera dei Deputati davanti a una platea di adolescenti di età compresa tra i 13 e i 16 anni.

Dodici brevi affermazioni (sbagliate) che atteschiscono facilmente tra i più giovani, anche grazie a condivisioni a valanga di ipotesi mediche non corrette. Ecco la lista delle affermazioni false e infondate più comuni: I vaccini contengono ingredienti e additivi pericolosi; i profitti dei vaccini sono abnormi, ecco perché si vuole vaccinare a ogni costo; i vaccini non sono efficaci, non proteggono il 100% dei vaccinati; le malattie infettive stavano già scomparendo prima dell’introduzione dei vaccini; i vaccini causano l’autismo; tutte le persone vaccinate contro l’influenza la prendono lo stesso; i vaccini sono inutili, le malattie infettive sono state debellate dai miglioramenti della qualità della vita; i vaccini hanno effetti collaterali gravi, anche a distanza di anni: molti sono ancora sconosciuti e i nostri figli si ammaleranno tra decine di anni; la maggior parte delle malattie prevenibili con le vaccinazioni sono scomparse o quasi: perché dovrei vaccinare mio figlio inutilmente?; tanti vaccini somministrati in un’unica puntura sono dannosi; troppi vaccini possono sopraffare e indebolire il sistema immunitario, soprattutto nei bambini più piccoli; l’infezione naturale è meglio della vaccinazione; prima del vaccino tutti facevano il morbillo, la rosolia e nessuno è mai morto per questo.

 

admin

x

Guarda anche

Ischia, terremoto 4.0. Morti e feriti

Alle 21 circa di ieri, 21 agosto, la terra ha tremato sull’isola di Ischia. Un ...

Condividi con un amico