Home » Benessere » Giovani atleti e morti improvvise: scoperte le cellule "colpevoli"

Giovani atleti e morti improvvise: scoperte le cellule "colpevoli"

Sarebbe una mutazione del Dna a causare la cardiomiopatia aritmogena, una malattia genetica che colpisce di solito i giovani atleti e rappresenta la causa più diffusa della morte improvvisa. Ad annunciarlo è un gruppo di ricercatori dell’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico “Centro Cardiologico Monzino” in uno studio pubblicato sull’European Heart Journal. La cardiomiopatia aritmogena è causata da una mutazione nel Dna che, secondo modalità fino a oggi non note, provoca un progressivo accumulo di grasso nel cuore, che ne impedisce il corretto funzionamento e dà origine a cortocircuiti elettrici che possono determinare l’arresto cardiaco. I ricercatori del centro milanese hanno individuato per la prima volta la componente cellulare responsabile di questo accumulo, chiarendone i meccanismi implicati.

Al momento non esistono farmaci capaci di rallentare o arrestare la progressione di questa malattia che in Italia è più diffusa rispetto al resto del mondo: il picco di prevalenza si registra nel Nord-Est, dove ne è colpita una persona su 2.000, contro un dato mondiale che registra un caso di malattia ogni 5.000-10.000 persone. “Abbiamo osservato le cellule dello stroma cardiaco nella loro fase di differenziamento in grasso direttamente nel cuore dei pazienti dimostrando come queste particolari cellule – che possiamo definire “di sostegno”, con compiti di scambio e di interconnessione con le cellule contrattili – siano più propense all’accumulo di grasso e al differenziamento in adipociti nelle persone affette da cardiomiopatia aritmogena”, spiega Giulio Pompilio, coordinatore dello studio. Le cellule stromali cardiache sono la popolazione cellulare più abbondante nel cuore. “Le ricerche su queste cellule aprono prospettive future promettenti, perché possono rappresentare al contempo un interessante bersaglio terapeutico e una piattaforma di studio per nuovi farmaci”, conclude Pompilio.

admin

x

Guarda anche

Domani la Giornata Mondiale contro l’Epatite

Sarà celebrata domani, venerdì 28 luglio, la nuova edizione della Giornata Mondiale contro l’Epatite …anzi contro ...

Condividi con un amico