Home » Benessere » Cuore, l'infarto si previene con un test del Dna

Cuore, l'infarto si previene con un test del Dna

Un test del Dna per prevenire il rischio di infarto: è già disponibile, ma ancora in pochi ne conoscono i vantaggi. Si chiama “Cardio Kit” l’esame non invasivo che grazie a un tampone biologico consente di ottenere un dato sul rischio di sviluppare coronaropatie con relative manifestazioni come, appunto, l’infarto. “Il Cardio kit è già in uso al Policlinico di Tor Vergata di Roma e al San Raffaele di Milano ma è ancora poco diffuso, mentre dovrebbe essere consigliato a tutti dopo i 40 anni – spiega Francesco Romeo, presidente della Società italiana di cardiologia a margine della presentazione oggi a Roma del 76esimo congresso nazionale della Sic – perché solo individuando in anticipo i soggetti con forme asintomatiche non riconducibili a fattori di rischio tradizionali, e in particolare forme precoci di coronaropatie, si può realizzare la medicina di precisione”.

“Fino a poco tempo fa si andava dallo specialista – prosegue Romeo – e questo elaborava una carta del rischio cardiologico, si indagava sulla presenza del colesterolo e stili di vita ‘cattivi’ (fumo, alcol obesità), poi si dava una possibile percentuale del pericolo d’infarto. Ma la malattia aterosclerotica ha un 50% di rischio legato alla suscettibilità genetica. Quindi – osserva l’esperto – se si conosce questo dato posso già mettere in atto contromisure. Ci sono studi che hanno associato un gruppo preciso di geni con lo sviluppo negli anni di un infarto; conoscendo questa predisposizione possiamo agire con maggiore precisione”.

admin

x

Guarda anche

Cuore: se il defibrillatore piove dal cielo …

Una ricerca, per adesso solo teorica, ipotizza di usare presto i droni nelle azioni di ...

Condividi con un amico