Home » Benessere » Ipoparatiroidismo e il farmaco che non c'è

Ipoparatiroidismo e il farmaco che non c'è

E’ la storia di una donna che ha subito un intervento alla tiroide, con rimozione delle paratiroidi, e la conseguenza che il calcio del suo organismo non è più regolato da niente. I risvolti di questa disorganizzazione sono stati spasmi, dolori muscolari, formicolii persistenti e un calo fortissimo delle funzionalità motorie che le hanno invalidato la vita. Questa donna, che si chiama Santina, potrebbe curarsi ma il farmaco che l’aiuterebbe non è ancora stato approvato in Italia.

Per questa malattia, che si chiama Ipoparatiroidismo, l’unico sollievo dei sintomi è dato dalla vitamina D, surrogato del calcio, che però non sempre riesce a fare il suo effetto e a volte può creare problemi a livello di assorbimento e a livello di reni. Ma un buon rimedio è la nuova terapia ormonale sostitutiva a base di ormone paratiroideo che è già stato messo in commercio negli Stati Uniti dopo le valutazioni positive ricevute dai ricercatori. E’ già dalla scorsa primavera che va avanti la vendita e i risultati stanno arrivando e sono molto promettenti. Ma in Europa, la European Medicines Agency (EMA) non ha ancora espresso parere positivo. E dopo di loro toccherà alla AIFA dare il via libera, quindi si prevedono tempi lunghi.

In Italia, finora, si utilizza un farmaco a base della molecola PTH 1-34, un frammento dell’ormone paratiroideo, che stava dando buoni risultati ma portava con sé anche diversi effetti collaterali pesanti, per cui si è stabilito che si può usare solo per un massimo di 24 mesi. Non oltre. Il farmaco è anche controindicato nel lungo termine per i potenziali rischi di tumore, per questo la sua diffusione è strettamente limitata e ancora non propriamente approvata. La signora Santina sarebbe anche disponibile a provarlo, pur di liberarsi di tanti problemi, ma non può farlo se rimane sul suolo italiano. Dovrebbe sostenere spese eccessive di un trasferimento in USA … e facendo bene i calcoli non sarebbe un buon investimento. Si spera di avere presto una approvazione europea.

admin

x

Guarda anche

SIDS: tra le cause l’eccesso di serotonina

L’eccesso di serotonina potrebbe essere la causa della Sindrome della morte in culla. Ad ipotizzarlo ...

Condividi con un amico