Home » Benessere » Due chili in più dopo le feste, i consigli della Coldiretti

Due chili in più dopo le feste, i consigli della Coldiretti

Le feste hanno portato un po’ di riposo per alcuni, tanti regali per altri, ma quasi a tutti  hanno lasciato circa 2 kg in “eredità”. Le vacanze natalizie e le super abbuffate di pranzi e cene hanno messo a dura prova la forma fisica degli italiani, che in poche settimane hanno assunto circa 15mila-20mila chilocalorie. Lo rileva la Coldiretti: da smaltire per gli italiani ci sono i quasi cento milioni di chili tra pandori e panettoni, cinquantadue milioni di bottiglie di spumante, tonnellate di pasta, 6,5 milioni di chili tra cotechini e zamponi e frutta secca, pane, carne, salumi, formaggi e dolci per un valore complessivo vicino ai 4,3 miliardi di euro, solamente tra il pranzo di Natale e i cenoni della Vigilia e di Capodanno. A questo si aggiunge una maggiore sedentarietà e una minore attività sportiva. Con l’inizio del nuovo anno la dieta diventa dunque un obiettivo prioritario per molti italiani. Per rimettersi in forma secondo i dietologi non aiutano i drastici digiuni e i “salti del pasto”, ma adottare una dieta a base di cibi leggeri, ricca di frutta e verdura con il consumo di molta acqua.

Per aiutare le buone intenzioni la Coldiretti ha stilato una lista dei prodotti le cui proprietà terapeutiche e nutrizionali sono utili per disintossicare l’organismo e per accompagnare il rientro in salute alla normalità: tra la frutta arance, mele, pere e kiwi mentre per quanto riguarda le verdure quelle particolarmente indicate sono spinaci, cicoria, radicchio, zucche e zucchine, insalata, finocchi e carote. Tutte le insalate e le verdure vanno condite – sottolinea la Coldiretti – con olio d’oliva, ricco di tocoferolo, un antiossidante che combatte l’invecchiamento dell’organismo e favorisce l’eliminazione delle scorie metaboliche, e abbondante succo di limone che purifica l’organismo dalle tossine, fluidifica e pulisce il sangue, è un ottimo astringente e cura l’iperacidità gastrica. Nella dieta non vanno trascurati piatti a base di legumi (fagioli, ceci, piselli e lenticchie) perché contengono ferro e sono ricchi di fibre che aiutano l’organismo a smaltire i sovraccarichi migliorando le funzionalità intestinali ma sono anche una notevole fonte di carboidrati a lento assorbimento.

admin

x

Guarda anche

Alimentazione, cosa mangiare al posto della carne

Cosa mangiare al posto della carne? Chi decide di ridurre o eliminare la carne dalla ...

Condividi con un amico