Home » Benessere » Narcolessia e influenza. C'è un legame?

Narcolessia e influenza. C'è un legame?

La narcolessia è una malattia neurologica che altera la capacità del cervello di regolare la veglia e il sonno. In pratica viene a mancare la Orexina, una sostanza che mantiene in attività le cellule cerebrali e dunque ci fa stare svegli. Le persone narcolettiche infatti si “addormentano” senza preavviso ovunque li colga la crisi… che non è epilessia e nemmeno un classico svenimento.

La narcolessia colpisce oggi 2.000 italiani, ha una sua associazione che aiuta le persone a gestire i tanti disagi ma soprattutto a capire da dove viene, in molti casi all’improvviso, questo disturbo. Il legame con un certo ceppo influenzale potrebbe essere una spiegazione. Si parla della cosiddetta “influenza suina” (virus H1N1) o di una proteina portata da questo virus in corpo che rimane anche dopo la guarigione e si lega ai neuroni che regolano il sonno.
Molti casi si manifestarono con la forte epidemia del 2009, per cui oggi si sta in guardia dato che il ceppo di questo virus è presente anche nella influenza stagionale del 2016. La certezza però non esiste, per questo si dovrà studiare l’evoluzione della malattia. C’è da dire che comunque di narcolessia non si muore.. certamente è invalidante, e mina soprattutto la vita sociale. Ma si può gestire e controllare, anche grazie ai suggerimenti della associazione AIN.

admin

x

Guarda anche

Rischio autismo aumenta con nonna fumatrice

Il rischio autismo si potrebbe ereditare dalla nonna fumatrice. A sostenerlo è una ricerca condotta ...

Condividi con un amico