Home » Benessere » Sclerosi multipla, speranza da una cura anticancro

Sclerosi multipla, speranza da una cura anticancro

Una cura originariamente studiata contro il cancro dà oggi risultati “notevoli” nei pazienti con sclerosi multipla: la speranza, per chi ne soffre, è riposta nel trapianto autologo di cellule staminali del sangue. In corso in Gran Bretagna una sperimentazione lanciata tre anni fa da medici di Sheffield, che alla Bbc hanno spiegato che i malati stanno mostrando importanti miglioramenti dopo aver ricevuto questa terapia. Finora circa 20 pazienti hanno ricevuto trapianti delle proprie cellule staminali: alcuni erano paralizzati e sono stati in grado di muoversi di nuovo. Secondo Basil Sharrack, del Royal Hallamshire Hospital di Sheffield, “avere un trattamento che può potenzialmente invertire la disabilità è davvero un risultato importante”. L’approccio del team è partito dall’idea che il sistema immunitario attacca il cervello e il midollo spinale, causando infiammazione, dolore, disabilità. La terapia elaborata dai ricercatori si basa sulla distruzione del sistema immunitario ‘impazzito’, attraverso altissime dosi di farmaci chemioterapici, e poi sulla sua ricostruzione attraverso il trapianto di staminali prelevate dal sangue dello stesso paziente.

Il trapianto di cellule staminali ematopoietiche autologhe ha lo scopo di ripristinare il sistema immunitario difettoso, distrutto con la chemio. Questo viene poi ricostruito proprio con le staminali raccolte a partire dal sangue dello stesso paziente. Queste ‘cellule bambine’, infatti, sono in una fase così precoce che non hanno sviluppato i difetti che scatenano la sclerosi multipla. “Il sistema immunitario viene riportato a prima della sclerosi multipla”, spiega John Snowden, consulente ematologo al Royal Hospital Hallamshire. In questa malattia lo strato protettivo che circonda le fibre nervose del cervello e del midollo spinale (mielina) viene danneggiato. Il sistema immunitario attacca per errore la mielina, provocando lesioni o la sclerosi. La mielina danneggiata interrompe i segnali nervosi, un po’ come un corto circuito causato da un cavo elettrico sfilacciato. Il Royal Hallamshire Hospital, insieme con altri ospedali negli Stati Uniti, in Svezia e in Brasile, è parte di un progetto internazionale che sta valutando i benefici a lungo termine del trapianto di cellule staminali. Il trattamento comporta un costo di circa 30.000 sterline. I risultati dello studio in corso dovrebbero arrivare entro un paio d’anni.

admin

x

Guarda anche

Uccisa dalla dieta “del digiuno”: beveva solo acqua

Un medico trovato su internet, una dieta discussa e non proprio chiarissima … così è ...

Condividi con un amico