Home » Benessere » Ecco come la cocaina "vi mangia" il cervello

Ecco come la cocaina "vi mangia" il cervello

Gli scienziati della John Hopkins University School of Medicine parlano di scoperta, ma trattano di un argomento che già si era affrontato in molti settori della ricerca. La droga, la cocaina in particolare, “vi mangia” letteralmente il cervello. Cosa c’è di nuovo? Il fatto che finalmente si hanno le prove di questo, grazie allo studio condotto su persone dipendenti da cocaina nel corso degli anni.

Prima si pensava che fosse la droga in sé a distruggere i neuroni, poco per volta, oggi invece grazie ai risultati di questo studio di vede che è il cervello ad azionare una anomala reazione di difesa, ordinando alle proprie cellule di autodistruggersi. Ma perché accade questo? In termine tecnico si chiama autofagia cerebrale e avviene che le cellule del cervello, stravolte dall’effetto droga, non riconoscano più le loro simili e le attacchino, divorandole come se fossero nemiche. Ma in realtà non riconoscono più nemmeno se stesse. Gli esperti spiegano che ogni cellula possiede una sorta di “sacca” interna per i rifiuti che vengono raccolti lì e col tempo eliminati. La cocaina stordisce le cellule al punto da portarle a eliminare sia i rifiuti che le parti sane del proprio stesso corpo, praticamente suicidandosi!

Perchè si attivi questo processo in grande stile occorre che l’assunzione di cocaina sia costante e in grandi quantità, ma il sospetto è che anche l’assunzione graduale -che va tanto di moda- possa causare questo effetto nel lungo termine. Lo ripeteremo senza sosta: le droghe non possono essere distinte in leggere e pesanti. Anche quelle che in apparenza non danno disagi o dipendenza, nel tempo, riescono a crear danni gravi dentro il nostro organismo. La falsa credenza che la cocaina o la marijuana siano droghe da assumere come il vino a pranzo o la sigaretta della sera, è pericolosa perché svia dal concetto reale. E cioè, che anche queste uccidono.

admin

x

Guarda anche

Rischio autismo aumenta con nonna fumatrice

Il rischio autismo si potrebbe ereditare dalla nonna fumatrice. A sostenerlo è una ricerca condotta ...

Condividi con un amico