Home » Benessere » Ricerca: la qualità di infermieri e ospedali influisce sulla guarigione

Ricerca: la qualità di infermieri e ospedali influisce sulla guarigione

I pazienti sottoposti a chirurgia guariscono più in fretta se gli infermieri che li assistono si muovono in ambienti di lavoro migliori: l’evidenza emerge da un nuovo studio capitanato da Jeffrey Silber, del Children’s Hospital of Philadelphia, pubblicato su “Jama Surgery”. Negli ospedali con un buon organico e un buon ambiente di cura il numero di decessi di pazienti sottoposti a chirurgia è inferiore anche in caso di complicazioni. Per valutare il requisito dell’ambiente, è stato definito come “buon ambiente di cura” quello con più di un infermiere per ogni letto di ospedale e l’accreditamento “Magnet status”, una certificazione speciale riconosciuta dall’American Nurses Credentialing Center.

I ricercatori hanno confrontato 25,752 pazienti chirurgici ricoverati in 35 ospedali con buoni ambienti di cura con altrettanti  pazienti di età simile in 293 ospedali senza quei requisiti: i pazienti sono stati classificati anche per assicurazione, razza e tipo di intervento e tutti avevano un’età di almeno 65 anni. Ebbene, negli ambienti di cura considerati “buoni”, il 4,8% dei pazienti è deceduto entro 30 giorni dall’arrivo in ospedale, rispetto al 5,8% dei pazienti in altri ospedali. Inoltre, il 7,5% dei pazienti negli ospedali con buoni ambienti di cura è morto dopo la comparsa di complicazioni, rispetto all’8,9% dei pazienti in altri ospedali. “Non ci aspettavamo di vedere una grande differenza” ha detto Silber, che è anche professore alla University of Pennsylvania’s Perelman School of Medicine and Wharton School.

admin

x

Guarda anche

Ha mal di pancia da 15 anni. Ecco perché

Si parla di nuovo di malasanità, con l’aggravante che negli ultimi anni casi simili a ...

Condividi con un amico