Home » Benessere » Storia di Lara, che cerca un donatore italo-thailandese

Storia di Lara, che cerca un donatore italo-thailandese

“Prima di Natale ho scoperto di avere la leucemia. Ora sto facendo la chemioterapia ma avrò bisogno anche di cellule staminali. Però mio papà è italiano e la mia mamma è thailandese ed è più difficile trovare la mia metà genetica…” è la parte iniziale del video con cui questa bellissima ventenne, di nome Lara, sta cercando di salvarsi la vita. Lara soffre di un tumore del sangue che di norma si può provare a fermare grazie a un trapianto di midollo, cosa già difficile da fare data la rarità di questi donatori. In più, il suo donatore ideale dovrebbe essere per metà italiano e per metà thailandese come lei.

Data la mescolanza delle razze, per Lara la possibilità di trovare un donatore compatibile è scesa al 3%, dato anche il fatto che tra i familiari conosciuti nessuno è risultato compatibile. L’appello sta viaggiando sul web proprio perché è difficilissimo trovare donatori di midollo idonei e di razza mista, ancor meno di razza thailandese. Lara sta cercando di coinvolgere le comunità miste di Canada e Stati Uniti (Paesi con alto tasso di immigrazione dalla Thailandia) ma anche in Australia e Nuova Zelanda. Tuttavia non sarebbe difficile trovare donatori anche in Europa, soprattutto in Inghilterra e Italia. Nel nostro Paese non sono pochi gli italiani che hanno scelto di sposare un partner thailandese.

Per l’Italia basta rivolgersi all’ADMO che spiegherà nel dettaglio cosa fare per donare il midollo a Lara. Per prima cosa occorre vedere la compatibilità con un prelievo di sangue, dopo di che, in caso positivo si procederà in due modi: o attraverso il prelievo di midollo osseo dalle creste iliache posteriori, con convalescenza di circa una settimana; oppure col prelievo di staminali da sangue periferico, che richiede una procedura un po’ più complessa nei tre giorni precedenti (assunzione di determinati farmaci) e poi un semplice prelievo a conclusione di tutto. Se non potete partecipare in prima persona diffondete la voce. La campagna di aiuto per questa ragazza giovanissima si chiama #match4lara .

admin

x

Guarda anche

Che cos’è il “ringiovanimento ovarico”

No, non è la nuova moda estrema del lifting ma per alcune donne è come ...

Condividi con un amico