Home » Benessere » Influenza, seconda vittima in Italia: era una donna gravemente malata

Influenza, seconda vittima in Italia: era una donna gravemente malata

E’ la seconda vittima dell’influenza stagionale, che sta raggiungendo un picco (sebbene più leggero del previsto) in questi giorni. Era già toccato a una donna pugliese, deceduta per le complicazioni del virus influenzale sul proprio corpo debilitato da una patologia renale e ieri è morta un’altra signora di 60 anni, a Padova.

La donna, affetta da un importante deficit immunitario dato da patologie pregresse, aveva contratto l’influenza che quest’anno include anche il virus H1N1. La donna ha subito accusato sintomi più gravi del normale e si è dovuto ricorrere perfino alla purificazione di sangue con il metodo extracorporeo ECMO. Ma a nulla è servito di fronte all’organismo già affaticato e la paziente ha perso la vita. Ma dall’influenza ci si può proteggere ancora, anche se non si è vaccinati. Fate attenzione alle regole di buona igiene più volte ripetute e soprattutto se avvertite i primi sintomi curatevi come suggerisce il vostro medico.
Per tutti vale l’uso di paracetamolo e l’acido acetilsalicico (aspirina) ma solo secondo le indicazioni date, senza esagerare o fare di testa vostra. Contro i sintomi, provate gli antinfiammatori non steroidei oppure i metodi antichi come miele (per la gola) e limone (per problemi di stomaco). Accettabili e utili anche i suffumigi o vapori caldi che servono a liberare le vie aree ostruite, o l’unguento balsamico sul ventre o sul torace, antenato del più noto Vicks Vaporub!

admin

x

Guarda anche

Rischio autismo aumenta con nonna fumatrice

Il rischio autismo si potrebbe ereditare dalla nonna fumatrice. A sostenerlo è una ricerca condotta ...

Condividi con un amico