Home » Benessere » Educazione gay: pediatri e psichiatri su posizioni opposte

Educazione gay: pediatri e psichiatri su posizioni opposte

Tolto l’utero in affitto che -ribadiamo- non c’entra nulla con le adozioni né con il ddl Cirinnà, il problema da dibattere rimane l’affidamento dei bambini alle coppie omosessuali. Un affidamento visto in modo diverso sia dall’opinione pubblica che dalla scienza. A sorpresa, sono stati i pediatri italiani a parlare per primi prendendo una chiara posizione sabato scorso al “Family Day”. Le adozioni gay non si devono permettere, non possono funzionare.

Secondo i medici che meglio di tutti conoscono i bambini, infatti, non si possono del tutto escludere i rischi che una educazione a senso unico (con due padri o due madri) danneggi un soggetto al punto tale da farlo crescere con una visione deviata della realtà sociale. Non si possono nemmeno escludere problematiche legate al periodo dello sviluppo del bambino affidato a coppie omosessuali. A questa visione negativa dei pediatri, oggi rispondono gli psichiatri.

Per gli esperti della psiche umana non si può ancora condannare l’adozione gay proprio perché ancora non ci sono dati certi sul suo effetto sui bambini. Le cosiddette “famiglie arcobaleno” (persone gay che hanno adottato bambini all’estero) esistono e sono numerose pure in Italia, sebbene si faccia finta di non saperlo. I figli di queste coppie sono ancora piccoli e non è chiaro quale sviluppo avranno in futuro con questo tipo di educazione. Ma proprio per la vasta esperienza -anche con famiglie etero deviate o violente- gli psicanalisti insistono dicendo che non è la genitorialità omosessuale a creare il problema ma come questa possa educare i figli alle relazioni sociali. Se due lesbiche educano un figlio maschio alla consapevolezza di essere maschio, non stanno sbagliando. Entra nel dibattito anche il Ministero della Salute con il ministro Lorenzin che invita su Facebook le donne a farsi sentire: “In gioco ci sono i diritti dei bambini che ancora devono nascere ad avere una madre e un padre, e i diritti delle donne che in questo nostro tempo impazzito sembrano essere regrediti”.

admin

x

Guarda anche

Bimbi non vaccinati trasmettono il morbillo al fratellino, che muore

Prima vittima della filosofia No Vax: un bambino di 6 anni, di Monza, è morto ...

Condividi con un amico