Home » Benessere » Epilessia, non solo convulsioni. Ecco tutti i sintomi

Epilessia, non solo convulsioni. Ecco tutti i sintomi

Le convulsioni sono il sintomo più comune e conosciuto, ma non l’unico. L’epilessia si manifesta con molte altri sintomi, diversi fra loro e meno evidenti, che in molti casi non vengono riconosciuti lasciando i malati senza diagnosi anche per decenni. Se n’è parlato oggi, giorno in cui cade la Giornata nazionale dell’epilessia. “Registriamo un ritardo di molti anni, in alcuni casi fino a 30 anni, nella diagnosi dell’epilessia che esordisce in età adulta con crisi parziali non convulsive senza perdita di coscienza – spiega Umberto Aguglia, coordinatore del Gruppo di studio epilessia della Società italiana di neurologia -. Nella maggior parte dei casi il ritardo è riconducibile al paziente stesso che sottovaluta le crisi, ma nel 30% è il medico a non riconoscere i sintomi e a formulare una diagnosi errata”. Accanto agli attacchi più noti, la Società italiana di neurologia elenca infatti “un ampio spettro di disturbi legati all’epilessia spesso sottovalutati (crisi parziali): sensazioni visive (crisi visive), sensazioni acustiche (crisi uditive), sensazioni fastidiose allo stomaco simili a un pugno e alla gola, con palpitazione e rossore del volto (crisi vegetative, la cosiddetta aura epigastrica)”.

E ancora: impressioni di “già visto” o “già vissuto” (crisi dismnesiche), stati di animo di paura improvvisa simili agli attacchi di panico (crisi affettive), forti nausee. “In tutte queste forme il paziente può rimanere perfettamente cosciente”, precisano gli esperti. In Italia l’epilessia colpisce 500 mila persone e ogni anno si registrano 25 mila nuovi casi, ricorda la Società  di neurologia. Si stima che nel mondo da 5 a 10 persone su mille siano affette da questa patologia che riguarda soprattutto bambini, adolescenti e over 65. I pazienti vengono adeguatamente curati possono condurre una vita normale, attiva e produttiva. Le donne, in particolare – puntualizzano gli esperti – non devono rinunciare al desiderio di maternità perché, se informate e seguite da uno specialista neurologo, possono affrontare con serenità la gravidanza e concepire figli sani.

admin

x

Guarda anche

Parkinson: arriva il cronometro della diagnosi

Quando qualcosa si “rompe” nel cervello, in sordina, comincia il Morbo di Parkinson. Cresce lentamente ...

Condividi con un amico