Home » Benessere » La penna antidiabete arriva in Italia

La penna antidiabete arriva in Italia

Addio alla fastidiosa puntura quotidiana per chi soffre di diabete di tipo 2, cioè per milioni di persone in Italia. La ricerca che non dà tregua a questa malattia ha inventato una novità che andrà a sostituire la siringa di insulina grazie all’ormone dulaglutide, un principio attivo rilasciato dall’intestino per controllare le oscillazioni degli zuccheri.

Con questo ormone nella base della sua costituzione, il farmaco riuscirà a regolare gli zuccheri nel sangue delle persone diabetiche e potrà farlo con una dose fissa che viene assorbita in tempi molto lunghi. Infatti basta una sola puntura a settimana per essere protetti. La puntura sarà inoculata da un nuovo dispositivo, detto “penna” per la forma ovvia (vedi foto), che pungerà molto meno della siringa ma con più precisione. L’AIFA ha dato il via libera al dispositivo anche per l’Italia e si attende con trepidazione la sua immissione sul mercato.

Non tutti dovranno utilizzare la penna, però. A farlo saranno prima di tutto i soggetti che pur usando l’insulina non ottengono i benefici sperati, oppure subiscono effetti collaterali pesanti. Questo porta circa 1 milione di persone su 4 ad avere complicanze anche gravi. In poche parole, la penna di dulaglutide verrà introdotta dopo che le prime cure -sia orali che per iniezione- si saranno dimostrate pesanti, o difficili o troppo lente nei risultati ma non è detto che in futuro potranno usare questo metodo tutti i diabetici, in base alle loro rispettive esigenze e individualità. Si punta al controllo totale della malattia, in attesa di una eventuale cura.

admin

x

Guarda anche

Dipendenza da smartphone, vittime soprattutto le donne

La dipendenza da smartphone miete vittime soprattutto tra le donne. A sostenerlo è una ricerca ...

Condividi con un amico