Home » Benessere » Allarme internet: è la nuova patologia dei piccoli (ignorata dai genitori)

Allarme internet: è la nuova patologia dei piccoli (ignorata dai genitori)

In Italia un adolescente su 4 è sempre connesso a internet e i genitori non lo sanno. Oppure lo sanno e non gliene importa niente, “tanto il bambino gioca soltanto!”. Non è vero. Le statistiche dicono che i bambini -i quali hanno già il cellulare in mano a 10 anni (errore gravissimo)– arrivano all’adolescenza con diverse esperienze pesanti già maturate online, all’insaputa dei genitori. Almeno 4 giovanissimi su 5 frequentano siti porno, moltissimi praticano il sexting e troppi sono vittime di bullismo virtuale.

Il fenomeno è gravissimo. Lo sa bene Telefono Azzurro che raccoglie dati allarmanti ogni giorno, lo sa perfino l’istituto di statistiche Doxa… ma non sanno niente i genitori! Molti di loro cadono letteralmente dalle nuvole quando scoprono la frenetica attività virtuale dei figli adolescenti e si domandano come sia possibile. Non sospettano nemmeno che il “bambino” ha iniziato già alle elementari a navigare indisturbato, anche su Facebook dove troppi minorenni si iscrivono all’insaputa dei genitori falsificando date di nascita e nomi.

In uno studio europeo condotto su 600 ragazzi dai 12 ai 18 anni e 600 genitori dai 25 ai 64 anni, si è visto che: il 17% dei giovani dichiara di “non riuscire a staccarsi da smartphone e social”, si connettono più volte al giorno e soffrono di patologie mai sentite prima come il VAMPING (svegliarsi di notte per controllare la messaggeria). Il 73% dei ragazzi frequenta regolarmente siti porno e il 10% pratica lo scambio di foto porno di se stessi con chiunque abbiano in contatto, siano essi compagni di scuola o sconosciuti adulti. In tutto questo, la parte drammatica sono i genitori: 3 su 4 non conoscono il sexting, 1 su 10 non sa che il bullismo corre anche in rete, molti di loro non sanno nemmeno che i figli usano di nascosto le loro carte di credito per comprare giochi online o peggio… Una devastante assenza degli educatori che sta lasciando generazioni di ragazzi sbandati e soli contro i peggiori mali del mondo.

admin

x

Guarda anche

Bimbi non vaccinati trasmettono il morbillo al fratellino, che muore

Prima vittima della filosofia No Vax: un bambino di 6 anni, di Monza, è morto ...

Condividi con un amico