Home » Benessere » Ricerca Usa: Il gusto a tavola dipende dai geni

Ricerca Usa: Il gusto a tavola dipende dai geni

Lo avevano ipotizzato già studiosi dell’Università di Cagliari, lo scorso luglio: oggi anche dagli Usa arriva conferma del legame tra il gusto e i geni. Quello che ci piace mangiare potrebbe infatti dipendere dal nostro corredo genetico. Un team della McGill University ha infatti scoperto che per le bambine con una particolare mutazione genetica l’elemento cruciale che influenza l’assunzione di grassi e il tipo di alimentazione è l’interazione tra il gene e l’ambiente socioeconomico dell’infanzia. Questo tipo di mutazione si trova in circa il 20% della popolazione ed è nota per essere associata con l’obesità, soprattutto nelle donne. Dal lavoro,  pubblicato su “Jama Pediatrics”, emerge che i maschi con la stessa variante non sono colpiti allo stesso modo dalla patologia. “Tra le bimbe cresciute nelle famiglie più povere, quelle con la mutazione indicata hanno fatto registrare un consumo di grassi superiore rispetto alle coetanee con lo stesso background socioeconomico – spiega Laurette Dubé, autrice principale dello studio -. Ma abbiamo anche scoperto che le bambine con la stessa variante del gene provenienti da famiglie più abbienti consumano meno grassi rispetto a piccole nelle stesse condizioni economiche. Questo suggerisce che il gene non agisce da solo, ma può rendere un individuo più sensibile alle condizioni ambientali, determinando la preferenza o meno del bambino per i grassi” e di conseguenza il rischio obesità.

I ricercatori hanno usato i diari alimentari tenuti dai genitori di oltre 200 bambini canadesi di età media 4 anni. Hanno calcolato le percentuali di grassi, proteine e carboidrati ingeriti, misurando anche parametri come l’indice di massa corporea, e usando la saliva per capire chi era portatore della mutazione genetica. Hanno poi utilizzato il reddito familiare come parametro per misurare l’ambiente socioeconomico e alcuni marcatori indiretti della qualità del cibo, per esempio la presenza di fast food nel quartiere o la disponibilità di frutta e verdura nelle vicinanze. I portatori della mutazione sotto i riflettori erano già stati segnalati come a maggior rischio obesità, e gli scienziati si sono chiesti se i suoi effetti possono variare a seconda dell’ambiente. “Abbiamo dimostrato che questo è vero, perché il consumo aumenta o diminuisce in base alla condizione socioeconomica – sottolinea Patricia Silveira, prima autrice del lavoro condotto in collaborazione con l’Università di Toronto e la McMaster University – Questo è importante perché sposta il focus dal gene all’ambiente”. I ricercatori non hanno osservato questo effetto nei maschi e hanno ipotizzato che, dal punto di vista evolutivo, possa essere più importante per una donna guadagnare peso facilmente in ottica riproduttiva. Oppure, semplicemente, a 4 anni è troppo presto per osservare effetti di questo tipo nei bambini perché maschi e femmine crescono in fasi diverse.

admin

x

Guarda anche

Come pulire gli occhi dei neonati con la camomilla

Pulire gli occhi dei neonati con la camomilla. Con le sue proprietà emollienti e lenitive, ...

Condividi con un amico