Home » Benessere » Lo Spallanzani in prima linea contro Zika

Lo Spallanzani in prima linea contro Zika

Lo Spallanzani di Roma è forse l’unico ospedale al mondo a non aver registrato nemmeno un morto per l’epidemia di Ebola. I pazienti che ha avuto in cura durante la terribile malattia africana sono usciti tutti vivi dalle sue sale di rianimazione, segno che questo centro specializzato nella cura delle malattie infettive è un fiore all’occhiello non solo della medicina italiana, ma mondiale.

E il mondo se n’è reso conto, al punto da decidere di chiamare proprio lo Spallanzani nella “task force” (la squadra di azione) che verrà impiegata contro lo Zika, il virus diffuso dalla zanzara brasiliana che sta terrorizzando le donne di mezza America Latina per i danni che provoca durante la gravidanza. La squadra, che lavorerà all’Università del Texas di Galverston, è presieduta da Scott Weaver, e annovererà tra i propri ricercatori anche il dottor Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell’Istituto per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani”. Un riconoscimento prezioso per il nostro Paese.

Anche se Zika non fa paura come Ebola, la lezione africana è stata imparata benissimo. Mai più sottovalutare un’epidemia perché circoscritta o poco pericolosa, bisogna affrontarla immediatamente nonostante tutto. Ed è questo lo scopo di queste ricerche. Intanto, in Brasile sono saliti a 508 i casi confermati di microcefalia fetale e i casi di sospetta microcefalia da Zika sono passati da 5.079 a 5.280 in una sola settimana. In 41 dei casi accertati di microcefalia sono state trovate tracce del virus. I ricercatori stanno lavorando non solo al trattamento sicuro di questa malattia, in modo da limitarne la diffusione, ma anche sulla ricerca di un possibile vaccino in tempi da record.

admin

x

Guarda anche

Colazione abbondante aiuta a dimagrire

Una colazione abbondante aiuta a dimagrire o mantenere il peso. A sostenerlo sono i risultati ...

Condividi con un amico