Home » Benessere » Ecco il "gene spia" che preannuncia i tumori infantili

Ecco il "gene spia" che preannuncia i tumori infantili

I tumori infantili possono essere scoperti in tempo, grazie a una anomalia presente nel DNA che avvisa della presenza della malattia, o del suo rischio. Lo hanno scoperto alcuni ricercatori italiani della Clinica Onco-ematologica di Padova in uno studio che ha suscitato l’interesse mondiale, tanto da apparire sull’American Journal of Surgical Pathology.

Lo studio è stato condotto in collaborazione con il Memorial Sloan Kettering Hospital di New York e si è concentrato in particolare su malattie come il rabdomiosarcoma che colpisce a volte pure i neonati! Poter capire in tempo quali malattie stanno colpendo e dove è importante per regalare a questi bambini la differenza tra una vita da malati e una da sani, o anche tra la vita e la morte.

Quando un tumore come il rabdomiosarcoma è in corso, avviene una alterazione di un gene denominato Vgll2. La sua presenza in corpo può indicare sia la forma aggressiva del tumore che quella più “morbida“, attraverso la quale però si può studiare anche l’altra e prevenirle entrambe. Il problema dei tumori infantili è la difficoltà di diagnosi e di trattamento, dato che le terapie sono molto dolorose. Grazie alle indicazioni che si ricevono dalla presenza dell’anomalia nel gene Vgll2 si potrà presto capire il meccanismo di sviluppo di queste neoplasie congenite e trovare possibilmente anche una cura, oltre che un modo di diagnosticarle in tempo.

admin

x

Guarda anche

Bimbi non vaccinati trasmettono il morbillo al fratellino, che muore

Prima vittima della filosofia No Vax: un bambino di 6 anni, di Monza, è morto ...

Condividi con un amico