Home » Benessere » Meningite, paura anche in Piemonte

Meningite, paura anche in Piemonte

Mentre in Toscana si contano due nuovi casi di meningite, ancora una volta due giovani di 24 anni, la diffusione della malattia si registra pure in Piemonte. Nel paesino di Portacomaro d’Asti, famosa per aver dato i natali a uno dei nonni dell’attuale Papa Francesco, una bimba della locale scuola elementare è finita in ospedale con tutti i sintomi.

Mal di testa, febbre molto alta e soprattutto la rigidità del collo, segno visibile e indubbio della meningite. La malattia, ricordiamo, può essere batterica o virale ma in entrambi i casi provoca l’infiammazione delle meningi e da lì una serie di conseguenze a volte gravi, se non mortali. Molte persone che hanno sofferto del contagio sono state in coma per giorni, altre l’hanno presa in forma più leggera. Oltre alle conseguenze sul corpo, la meningite lascia segni anche emotivi. La paura del contagio.

Essendo una malattia molto contagiosa, ogni volta si scatena il panico anche se -come nel caso della bimba di Portacomaro- alla fine si guarisce perfettamente. Oggi lei sta bene ma la sua scuola è in pieno allarme. Potrebbe aver contagiato i compagnetti? Le maestre? Una riunione si è svolta nei giorni scorsi con insegnanti e genitori per cominciare a parlare di vaccini. In Toscana è ormai obbligatorio per tutti, ma anche altrove si dovrà cominciare a usarlo, perché contro la meningite è davvero l’unica arma possibile.

admin

x

Guarda anche

Sei consigli per accelerare la convalescenza

Che sia la febbre, una infezione intestinale, un incidente stradale o un infortunio sportivo quel ...

Condividi con un amico