Home » Benessere » Glutile.it, anche i celiaci hanno un portale dedicato

Glutile.it, anche i celiaci hanno un portale dedicato

Una vetrina che contiene informazioni utili, condivisione di iniziative e attività e regole per una sana alimentazione: è nato Glutile.it, un motore di ricerca di attività economiche e locali che offrono cucina senza glutine per celiaci. On line le attività più sensibili ed informate sulla celiachia e sui problemi della contaminazione, in grado di offrire una sicura cucina senza glutine. “Non siamo incoscienti, e concordiamo sul fatto che le attività che aderiscono a progetti come l’AFC (Alimentazione Fuori Casa, progetto dell’Associazione Italiana Celiachia) – dichiarano i fondatori del servizio  – possano essere ritenute a ‘minor rischio’ ma siamo anche consapevoli che non ne sono esenti al 100%, perciò riteniamo che con l’informazione, e la giusta cautela, si possa dare credito anche a tante altre realtà”.

Con le recensioni gli utenti possono esprimere il proprio punto di vista su una determinata attività e come tutti i servizi simili più recensioni e contributi ci sono, più i proprietari saranno stimolati ad accrescere il proprio senso di responsabilità, la propria consapevolezza sulla celiachia e di conseguenza migliorare i loro servizi Gluten Free. A Glutile.it possono aderire tutte le attività che offrono cucina senza glutine e si presenta quindi come uno strumento utile sia per i celiaci, sia per i proprietari di esercizi che potranno promuovere la loro attività Gluten Free. “Alla fine sarà sempre il cliente che con il passaparola, le sue esperienze e nel caso di Glutile.it, con le sue recensioni, a decretare la qualità, valorizzando chi merita, e penalizzando chi non merita. Se tutti parlano bene di un determinato locale ci si va, se tutti ne parlano male lo si evita, indipendentemente dai marchi o dalle etichette che l’attività esibisce”, concludono i fondatori di Glutile.it.

admin

x

Guarda anche

Come salvarsi dall’intossicazione da botulino

Siamo il Paese della buona cucina e dei “figli che so’ piezz’e core”. E a ...

Condividi con un amico