Home » Benessere » Il diabete si combatte con lo sport. Fin dall’infanzia

Il diabete si combatte con lo sport. Fin dall’infanzia

Il diabete? Se non è ereditario si può tenere lontano con le buone abitudini. Che non riguardano solo il cibo ma, come rivela lo studio dei ricercatori della Stanford University (Stati Uniti), anche il fatto di far sport fin da piccoli. In particolare il diabete 2 che è quello che insorge in tarda età, quando l’organismo comincia a funzionare più lentamente. Ma se si è abituati a muoversi e a fare ginnastica quotidiana fin da bambini, la malattia non si presenterà.

Il diabete di tipo 2 si manifesta perché sebbene da un lato venga prodotta una quantità sufficiente di insulina dall’altro questa insulina non agisce come dovrebbe e non ce la fa a servire bene l’organismo. Così aumenta il glucosio nel sangue e con esso arrivano puntuali le malattie cardiovascolari. In questo caso, la malattia non si risolve con cure a base di insulina ma solo ridimensionando o cambiando la dieta. Ma chi è abituato fin da giovanissimo a fare sport, anche ogni giorno, conosce già le diete migliori per mantenersi in salute pur senza morire di fame. E dunque non fatica a trovare un equilibrio.

Diverse ricerche precedenti avevano dimostrato che lo sport praticato nell’infanzia protegge dal diabete 2. La più grossa fu una ricerca condotta su un milione e mezzo di ragazzi in Svezia! Là si è visto che, al di là del peso e delle abitudini, chi aveva un corpo più rilassato e toni muscolari inferiori sviluppava il diabete 2 una volta passati i 40 anni. Chi invece era abituato ad allenarsi favoriva la crescita delle fibre muscolari, bruciando grassi e zuccheri e dunque evitando gli accumuli e le malattie legate al diabete. Ma anche il diabete stesso. Allenandosi con costanza, inoltre, aumenta la sensibilità all’insulina che viene gestita al meglio dall’organismo evitando il rischio, in vecchiaia, che questo meccanismo si inceppi e smetta di funzionare. Ricordiamo che per i bambini qualsiasi sport va bene. In base al carattere e alla tendenza cambia solo l’opportunità di farlo individualmente (tennis, nuoto, corsa) o in squadra (pallavolo, calcio, rugby).

admin

x

Guarda anche

Bimbi non vaccinati trasmettono il morbillo al fratellino, che muore

Prima vittima della filosofia No Vax: un bambino di 6 anni, di Monza, è morto ...

Condividi con un amico