Home » Benessere » Le patatine ci fanno ingrassare … per colpa del sale

Le patatine ci fanno ingrassare … per colpa del sale

Lo sappiamo tutti che le patatine fritte fanno male. Sappiamo che non è nemmeno questione di cottura, perché pure quelle al forno -se consumate in quantità- fanno ingrassare. Sempre patate sono! Eppure non possiamo farne a meno. “No, niente patatine per me” diciamo prima di ordinare la pizza, ma poi pilucchiamo immancabilmente quelle del vicino di tavolo! Ma perché le patatine sono così irresistibili ? Perché è impossibile fermarsi una volta attaccato il piatto?

Risponde alla domanda uno studio australiano condotto presso la Deakin Universtiy, e pubblicato sul “Journal of Nutrition”. Le patatine fanno tutte male, se prese in eccesso. Quelle commerciali (impacchettate e con la sorpresina dentro) fanno male più delle altre e il motivo è uno solo: troppo sale. Il test condotto su 48 volontari presso i laboratori dell’ateneo australiano ha evidenziato la differenza tra chi consumava patatine molto salate e chi invece patatine con poco o zero sale. Chi mangiava quelle col sale ci tornava volentieri.

Gli stessi volontari sono stati sottoposti ad altri test, in cui consumavano altri cibi (pasta, pollo, insalate…) con o senza sale. E anche qua, chi mangiava i cibi saporiti faceva anche il bis e il tris, mentre chi mangiava con meno sale o senza si saziava con la prima razione. Il fatto è che il sale scatena il senso di soddisfazione e il cervello richiede continuamente di provare quella sensazione. Per questo la gente tornava a fare i bis. In totale, chi mangiava salato aumentava il consumo del cibo dell’11% rispetto agli altri volontari. Aumentando i grassi, invece, non si otteneva lo stesso effetto. Dunque forse per mangiare meno patatine si dovrebbero vendere con pochissimo sale oppure a zero sale in assoluto. Ma forse questo non converrebbe, appunto, a chi ha interesse che i pacchetti vadano a ruba!

admin

x

Guarda anche

Come salvarsi dall’intossicazione da botulino

Siamo il Paese della buona cucina e dei “figli che so’ piezz’e core”. E a ...

Condividi con un amico