Home » Benessere » Uno spray per curare l’Alzheimer

Uno spray per curare l’Alzheimer

Forse non tutti sanno che i malati di Alzheimer, per via della malattia, sviluppano anche loro come i diabetici una forte resistenza all’insulina. Questo, a livello cerebrale, è un altissimo fattore di rischio. Cioè, chi presenta questa forte resistenza può sviluppare più di altri l’Alzheimer e se ce l’ha può vederlo aggravarsi in poco tempo.

Ma la ricerca è sempre attenta a questi cambiamenti, e in questo caso è l’Istituto di Biomedica e Immunologia del CNR di Palermo a dimostrarsi un passo avanti. Con una ricerca pubblicata su “Biomaterials” i laboratori siciliani annunciano di aver trovato una sostanza che si può concentrare in uno spray e grazie a questo si può “trasportare” l’insulina direttamente in corpo senza la fastidiosa puntura quotidiana. E’ una sorta di “nanogel” -per ora solo in fase sperimentale- ma che sarebbe in grado di dare una facile assimilazione dell’insulina in pazienti che, appunto per il tipo di malattia, non si sanno gestire da soli.

L’ormone trasportato in questo modo è in grado di migliorare le facoltà cognitive in soggetti con l’Alzheimer, in poche parole blocca la progressione della malattia e la degenerazione neuronale. L’insulina è “racchiusa” nelle micro particelle di gel che si spruzzano con lo spray direttamente nel naso, una volta giunte al cervello le bolle di gel si aprono e l’insulina va ad agire sul posto. In questo modo oltre all’immediatezza dell’azione si evitano effetti collaterali dati dalle cure tradizionali. L’insulina viene assorbita subito dalle mucose e viene liberata nel momento in cui è in circolo, senza passare da fasi intermedie che di norma -nei malati di Alzheimer- possono provocare reazioni inaspettate.

admin

x

Guarda anche

Dipendenza da smartphone, vittime soprattutto le donne

La dipendenza da smartphone miete vittime soprattutto tra le donne. A sostenerlo è una ricerca ...

Condividi con un amico