Home » Benessere » Curano tutto in poco tempo, ma costano troppo per lo Stato italiano

Curano tutto in poco tempo, ma costano troppo per lo Stato italiano

Lo Stato italiano garantisce ai propri cittadini cure gratuite sulla maggior parte delle patologie, il che è un vantaggio enorme rispetto a tanti altri Paesi del mondo. Ogni tanto, però, è costretto ad adottare farmaci nuovi, molto costosi, e in quel caso il cittadino deve pagarli perché la spesa pubblica non può permettersi troppo carico. In casi simili, allora, si decide di lasciare la cura gratuita solo per casi veramente gravi mettendo a pagamento tutti gli altri.

Se una tantum questo si può fare, il discorso cambia quando i farmaci nuovi e costosi diventano una vera invasione. Dagli Stati Uniti lo scorso anno sono stati autorizzati almeno 43 farmaci nuovi di zecca, potenti e rapidi contro molte malattie. Ma per adottarli in Italia, la nostra agenzia del farmaco AIFA dovrebbe sostenere costi esorbitanti. Nonostante le discussioni, i tentativi e le imposizioni, alla fine le partite di farmaco non potranno essere gratis per tutti… non a quei prezzi. I vantaggi delle nuove medicine sono tanti… riescono a risolvere una malattia in metà tempo e con quasi zero effetti collaterali, e parliamo di malattie serie.

Non solo virus influenzali, ma anche malattie rare, malattie infettive come l’epatite e diversi tipi di tumore. Inoltre, combattono anche insufficienze renali e urinarie e problemi gastrointestinali. Dal punto di vista dei tumori, i nuovi farmaci sono una rivoluzione unica: puntano sulla immunoterapia e sulle cure personalizzate che agiscono direttamente e in fretta sul tumore. Efficacissimi anche contro i tumori più rari, tutto il bel sogno si ferma al prezzo … altissimo! L’Italia potrà renderli comunque gratuiti, ma non certo per tutti i pazienti. Si dovranno fare scelte antipatiche, per esempio decidendo di darli gratis solo ai casi più disperati… lasciando altre persone all’obbligo di pagarsi da soli le spese dell’acquisto (anche 100 euro a ciclo!). Anche per questo l’AIFA sta analizzando bene tutti i nuovi medicinali. Se si deve spendere così tanto almento si esige la certezza che siano VERAMENTE efficaci per tutti.

admin

x

Guarda anche

Rischio autismo aumenta con nonna fumatrice

Il rischio autismo si potrebbe ereditare dalla nonna fumatrice. A sostenerlo è una ricerca condotta ...

Condividi con un amico