Home » Benessere » Dislessia: micro scosse elettriche per sbloccare la lettura

Dislessia: micro scosse elettriche per sbloccare la lettura

Una stimolazione elettrica per risolvere o almeno migliorare il problema dislessia nei bambini. E’ questa la proposta dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma che un po’ preoccupa i genitori. Si tratta infatti di inviare delle scariche elettriche al cervello, ma niente paura… parliamo di scariche talmente basse che al massimo verranno percepite come uno strano prurito.

Il trattamento, assicurano da Roma, è del tutto indolore, nessun bambino ne soffrirà conseguenze spiacevoli e anzi otterranno dei cambiamenti in meglio. La “scoperta” era stata fatta alcuni anni fa a Oxford, quando stimolando con una leggerissima scossa elettrica delle persone impegnate in un compito di matematica, si notavano immediati miglioramenti nell’approccio col problema. Questo perché i neuroni, stimolati elettricamente, diventano più elastici e agili. Applicato in chi ha problemi di lettura dovuti alla “pigrizia del cervello”, potrebbe significare anche la risoluzione del disagio.

Alla ricerca sperimentale, la prima volta, hanno partecipato 19 bambini e adolescenti dislessici tra i 10 e i 17 anni, attribuiti casualmente a due gruppi. Il primo gruppo riceveva un trattamento che includeva anche le micro scosse, l’altro solo un trattamento finto, placebo. I ragazzi venivano tutti stimolati mentre svolgevano le loro attività, sia di lettura normale che di logopedia. Né i bambini né i ricercatori erano a conoscenza di chi fosse stato sottoposto al trattamento attivo o a quello placebo, in modo da non condizionare con parole o trattamenti di favore la resa. Alla fine, i risultati hanno dimostrato che i ragazzini sottoposti alle micro scosse miglioravano la lettura del 60%, ovvero riuscendo a leggere 0,3 sillabe in più. Sembra ridicolo, ma per un dislessico è un enorme passo avanti. Questo nella ipotesi probabile che la dislessia sia dovuta a un problema di connessioni neuronali e che l’esperimento pare confermare.

admin

x

Guarda anche

Ecco perché gridare “Ahi !!” fa bene alla salute

Due università, una a Singapore e una in Spagna, hanno di recente rispolverato la tortura… ...

Condividi con un amico