Home » Benessere » Genitori, attenti ai “farma party”

Genitori, attenti ai “farma party”

Nella gara di fantasia autodistruttiva dei nostri figli non ci sono limiti. Qualsiasi novità è indirizzata a giocare con la morte in un modo talmente sfacciato da mettere davvero paura. E’ come se questi ragazzi non conoscessero la differenza tra vita e morte, e se la conoscono scelgono deliberatamente la seconda. L’ultima “moda” dello sballo americano … in arrivo anche in Europa … è il FARMA PARTY.

Funziona così: un ragazzo organizza una festa a casa, per una ragione qualsiasi (compleanno, promozione, vittoria del campionato) e oltre al mangiare e al bere ciascuno porta il proprio cocktail di farmaci. Pillole di ogni tipo vengono letteralmente “rubate” alla cieca dagli armadietti delle medicine di mamma e papà, senza leggerne le etichette, mescolate a caso e poi ingoiate con la “spinta” di un buon alcolico. Adesso immaginate il rischio: assumere qualsiasi farmaco con l’alcol è un pericolo per il corpo, assumere un mix casuale di farmaci è anche questo un pericolo di per sé. Unite ora le due cose. Le probabilità di morire subito dopo la bevuta sono altissime.

Negli USA il fenomeno è talmente diffuso da coinvolgere ormai anche i bambini delle elementari. I piccoli iniziano imitando i fratelli o cugini maggiori, magari in buona fede, scambiando le coloratissime pillole per caramelle. Ogni anno oltre 60.000 bambini americani finiscono al pronto soccorso per l’assunzione indiscriminata di medicinali, e con la nuova moda dei FARMA PARTY il numero sta aumentando. Il problema è che non tutti finiscono in ospedale… alcuni direttamente sottoterra. L’agenzia del farmaco americana è combattuta: da un lato vuole che si parli del fenomeno per prevenirlo, dall’altro non vuole creare un mito tra gli adolescenti che ancora non lo conoscono. La soluzione, per loro, è chiudere a chiave le medicine. La soluzione, invece, per gli psicologi è quella di parlare con i figli e spiegare loro perché i farmaci non si mischiano e non si ingoiano con l’alcol. La risposta è semplice: SI MUORE. E dopo morti lo sballo è finito per sempre.

admin

x

Guarda anche

Bimbi non vaccinati trasmettono il morbillo al fratellino, che muore

Prima vittima della filosofia No Vax: un bambino di 6 anni, di Monza, è morto ...

Condividi con un amico