Home » Benessere » Non può cancellare il tatuaggio e lo trasforma in un mostro

Non può cancellare il tatuaggio e lo trasforma in un mostro

Lui è un americano che si chiama Jagaloon (nome d’arte, forse di un tatuatore) e sta facendo scalpore perché ha pubblicato sui social la foto del proprio braccio prima e dopo un intervento di tattoo. Un’opera talmente accurata da far presupporre che sia proprio lui l’autore su se stesso di quel tatuaggio. Certo è che la foto -un viso di donna prima stupendo e poi mostruoso- pubblicizza la sua attività e la sua abilità. Il testo recita: “Stai per divorziare? Coprila così”

In effetti il tatuaggio originale mostra un enorme viso di una bella donna bionda, atto di amore eterno che in troppi chiedono senza ricordare che spesso l’amore invece finisce in una bolla di sapone. E se per cancellare due iniziali da un polso basta un micro intervento abrasivo, per eliminare un viso che copre una intera spalla o una gamba o una schiena è praticamente impossibile. Resterebbe un segno visibile come una cicatrice e la pelle non potrebbe essere toccata per molto tempo… altro che sostituzione! Il tatuatore geniale allora ha trovato la soluzione: non cancellare quel viso, trasformalo in un mostro. Lei ti ha fatto soffrire, ricorda per sempre che è il male!

Detto ciò, e ottenuto anche un buon beneficio di ritorno, ricordiamo che a prescindere dalla bravura del tatuatore i segni lasciati con l’ago sulla pelle sono pericolosi. Gli inchiostri che vengono usati per disegnare col tempo sono assorbiti dal corpo e entrano in circolo. Due o tre piccoli tatuaggi non fanno male, ma quelle opere enormi con litri di inchiostro sottopelle col tempo possono generare anche tumori. Meglio esprimere l’amore a voce, con una poesia su carta o con un sms. La pelle lasciatela stare… per non ritrovarvi un domani con un mostro tatuato addosso, che vi avvelena pure il sangue, letteralmente.

admin

x

Guarda anche

Semi di Chia, tutte le proprietà e i benefici

Semi di Chia, tutte le proprietà e i benefici dei minuscoli semi che si ricavano ...

Condividi con un amico