Home » Benessere » La musica dal vivo cura lo stress, ma solo se è classica

La musica dal vivo cura lo stress, ma solo se è classica

I ventenni non esultino troppo, questo articolo non vuole dare il via libera alle notti con la musica a palla… anzi, invita a cambiare del tutto registro. Perché è vero che la musica dal vivo cura lo stress, come dice una ricerca condotta dall’Imperial College di Londra, ma è anche vero che funziona bene solo se la musica è quella classica.

Piano, violini, oboe e fagotti… sono questi i mezzi migliori per abbassare i livelli di stress nel corpo. I 120 volontari che si sono sottoposti all’osservazione hanno fornito campioni di saliva prima, durante e dopo una serie di concerti da camera. Gli scienziati hanno così analizzato i livelli di cortisolo, un ormone prodotto dalle ghiandole surrenali che aiuta ad aumentare la glicemia e si scatena in condizioni di stress. Se la sua attivazione è periodica fa anche bene al corpo, ma se è costante diventa un pericolo per il cuore.
Indipendentemente da età e stato clinico delle persone, si è visto che tutti i 120 volontari allentavano moltissimo la produzione di cortisolo quando ascoltavano musica classica dal vivo. Una ulteriore conferma del beneficio della BUONA musica. E infatti gli psicologi e gli educatori da tempo usano già la musicoterapia per aiutare le persone con traumi, disabilità, i bambini autistici ma anche persone con Alzheimer, disturbi post traumatici e depressione. La riabilitazione “a suon di musica” non è nuova, e con questa conferma avrà sicuramente più richiamo ancora. Quando si ascolta o si canticchia musica, si abbassa la pressione sanguigna e si regolarizza il battito cardiaco, con risultati simili a quelli di un esercizio ginnico leggero e continuato. Tutta salute.

admin

x

Guarda anche

Ecco perché gridare “Ahi !!” fa bene alla salute

Due università, una a Singapore e una in Spagna, hanno di recente rispolverato la tortura… ...

Condividi con un amico