Home » Benessere » Bambini autistici in gita? Sì, ma con il personale giusto accanto

Bambini autistici in gita? Sì, ma con il personale giusto accanto

La polemica è scoppiata furiosa nei giorni scorsi, ma noi abbiamo preferito non riportarla. Perchè il fatto avvenuto alla scuola media di Legnano -una bimba autistica esclusa dalla gita perché nessun compagno voleva dormire con lei in camera- potrebbe avere mille risvolti e motivazioni diversi. Troppo facile dare la colpa ai “compagnetti cattivi”, troppo facile sbrigarsi con un attacco alle istituzioni in generale. Qui sono presenti più problemi, e tutti gravi.

Primo: l’autismo, che è un disturbo dalle mille sfaccettature -a volte anche gravi- e non sempre è gestibile. Non per nulla molti di questi bambini hanno insegnanti di sostegno al seguito. Secondo: come si può chiedere a dei dodicenni di badare a una compagna con problemi anche importanti, senza la presenza di un adulto? Terzo: perchè i compagni “hanno paura di lei”? Sono stati educati all’accoglienza? Sono stati invitati a conoscere questa bambina da vicino? La presidente della Associazione Nazionale di Genitori di Autistici, Liana Barone, che un figlio autistico ce l’ha ormai trentenne, dichiara con molta naturalezza che il ragazzo ha fatto tutte le gite scolastiche senza alcun problema.

Lei in parte giustifica i ragazzini dicendo che “perchè un bambino autistico vada in gita, ci deve essere per forza del personale preparato. Ma purtroppo la nostra società deve compiere ancora molti passi avanti, prima di diventare davvero inclusiva: c’è ancora molta strada da fare”. Ma allo stesso tempo dice che occorre educare i bambini ma anche gli insegnanti NON di sostegno ad affrontare i casi di autismo, ad accoglierli e a garantire loro gli stessi diritti di tutti. In fondo, quando suo figlio andava alle gite -vent’anni fa- non c’erano nemmeno le leggi e i mezzi di oggi eppure fu accettato e aiutato da tutti, adulti e bambini, a vivere bene la scuola e la gita. Certo, è un problema educativo. Ma non si può dare la colpa solo a dei ragazzini delle medie… dove sono gli adulti in questa storia?

admin

x

Guarda anche

Bimbi non vaccinati trasmettono il morbillo al fratellino, che muore

Prima vittima della filosofia No Vax: un bambino di 6 anni, di Monza, è morto ...

Condividi con un amico