Home » Benessere » Quel “veleno del sangue” denunciato tre anni fa ma ignorato da tutti

Quel “veleno del sangue” denunciato tre anni fa ma ignorato da tutti

La Regione Veneto ha recentemente scoperto un problema molto grave legato all’inquinamento delle falde acquifere. Lo chiamano ALLERME PFAS, dove la sigla sta ad indicare diverse sostanze tossiche in uso alle industrie che spesso vengono scaricate nei fiumi, o che filtrano attraverso il terreno nelle falde. L’esposizione a queste sostanze, tramite cibi e acqua da bere, a lungo andare può causare la comparsa di alcuni gravi tumori del sangue.

Era solo un’ipotesi nel 2013 quando il dottor Vincenzo Cordiano lanciò, per primo, l’allarme in Italia. Negli USA l’uso di queste sostanze era diffuso e si cominciava già ad associare i loro effetti nocivi alle malattie del sangue. L’ematologo lo aveva detto alle autorità, parlando con l’Istituto Superiore della Sanità e con moltissimi altri organismi competenti. “Ho spedito quei documenti a mezzo mondo ma nessuno li ha considerati” si lamenta oggi, che lo scandalo è uscito fuori come una bomba. E nell’arco di questi tre anni quante altre persone, oltre a quelle già a rischio, sono state lentamente avvelenate? Ci sono circa 400 soggetti a rischio e forse non ci sarebbero se si fosse ascoltato l’appello del dottor Cordiano.

Già tre anni fa si notava che in provincia di Vicenza c’era una altissima percentuale di persone malate di tumori alla tiroide e al sangue, e che nella stessa zona c’era un’incidenza elevata di ictus e malattie cardiovascolari. Tutto quello che dovevano fare le ASL era controllare le falde acquifere come suggeriva Cordiano ma nessuno lo ha fatto, anzi è stato accusato lui di screditare l’azienda e la regione con i suoi allarmi. Ora che invece si è visto che era tutto vero, tutto tragicamente reale e provato, si sta procedendo a rotta di collo al controllo di tutta l’acqua, soprattutto quella usata per irrigare le colture. Se fosse provato questo inquinamento da PFAS si dovrebbe bloccare la produzione che dà da vivere a molte persone. Ma se questo si fosse fatto tre anni fa, oggi la battaglia sarebbe quasi vinta.

admin

x

Guarda anche

Come salvarsi dall’intossicazione da botulino

Siamo il Paese della buona cucina e dei “figli che so’ piezz’e core”. E a ...

Condividi con un amico