Home » Benessere » Salute animali: mai abbracciare troppo il cane

Salute animali: mai abbracciare troppo il cane

Starete pensando: “Ma che diavolo dice? Ci sono mille foto di padroni che abbracciano i cani, lo faccio pure io e non è mai successo nulla!”. Così forse pare. In effetti per noi umani l’abbraccio è segno di protezione, il massimo gesto di affetto che si può dare a una persona. Ma attenzione a dosarli bene con i vostri animali, specialmente col cane, che non li gradisce e può diventare aggressivo.

Una ricerca pubblicata su “Psychology Today” dal dottor Stanley Coren rivela che il cane bisogna abbracciarlo in un determinato modo, evitando eccessi di affetto e soprattutto quelle strette per lui così pericolose. La sua natura antica di lupo gradisce certamente il calore della protezione, a questo serve il branco, ma ricorda anche la sensazione di trappola che si prova quando si viene catturati. La ricerca è stata condotta alla University of British Columbia, in Canada, un Paese che con i cani ha da sempre ottimi rapporti e dove una tesi del genere non viene certo rilasciata alla leggera. Proprio dalle tante foto di abbracci col cane gli esperti hanno capito il disagio dell’animale.

Di solito mostra i denti, o gira la testa dal lato opposto al padrone, o strizza gli occhi. Tutti segnali, questi, di ansia e fastidio. Anche le orecchie sono spesso abbassate, un segnale che il cane usa poco prima di attaccare… esprimendo addirittura rabbia. Per questo alcune razze più aggressive in quelle situazioni azzannano il padrone, o attaccano i bambini, con conseguenze a volte drammatiche. Ma allora bisogna smettere di abbracciare il nostro “Rex”? Non proprio… basta che l’abbraccio sia largo, delicato, brevissimo. Accoglietelo e poi lasciatelo subito andare… insegnate ai bambini a far così fin da piccoli. Ma sarebbe sempre meglio coccolare il cane con carezze, giochi e gesti di libertà che non lo facciano sentire senza via di scampo.

admin

x

Guarda anche

Svezzamento, come preparare il brodo vegetale

Come raccomandato dagli esperti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, al compimento dei 6 mesi i bimbi ...

Condividi con un amico