Home » Benessere » Per ritrovare la memoria puntate al rosmarino

Per ritrovare la memoria puntate al rosmarino

Quel geniaccio di Shakespeare lo aveva capito già nel Cinquecento… il rosmarino è il rimedio migliore per ritrovare la memoria, e lo mette in bocca ai suoi personaggi di Amleto, scrivendolo nero su bianco. Come molti sanno, i rimedi antichi sono ormai rivalutati moltissimo e difatti oggi la scienza torna a studiare le proprietà di questa erba aromatica per dare mille volte ragione al Bardo inglese.

Non poteva che venire dall’Inghilterra, dalla Northumbria University, lo studio che approfondisce le parole dell’Amleto. Lo fa tramite alcuni test condotti su 150 persone di età superiore ai 65 anni, tempo in cui la memoria comincia a far capricci e in alcuni sorgono quelle patologie come la demenza che la annullano del tutto. Divisi in due gruppi, le persone dovevano svolgere compiti di memoria ma il primo gruppo lavorava in una stanza aromatizzata con essenza di rosmarino mentre l’altro in una classe normale e non aromatizzata.

I risultati hanno visto che il gruppo nella stanza al rosmarino ricordava tutto meglio, era capace non solo di richiamarlo alla mente nel momento del compito ma anche di riferirlo, ore dopo, ai ricercatori. Il gruppo nella stanza neutra invece faticava a ricordare. Sembra dunque che sia vero, che il rosmarino aumenti le capacità mnemoniche del cervello… a meno che (lo studio dovrà chiarire questo) non sia solo il profumo di qualcosa che rilassa la mente e attiva la memoria. Sarebbe il caso di ripetere il test con i gruppi divisi in due stanze aromatizzate, magari una con il rosmarino e l’altra con lavanda o simili. Avremmo gli stessi risultati?

admin

x

Guarda anche

Come contrastare il diabete grazie ai broccoli

Il diabete tipo 2 è quello che tutti temiamo. A differenza del tipo 1, quello ...

Condividi con un amico