Home » Benessere » Medico assenteista e ubriaco al volante, sull’Isola d’Elba

Medico assenteista e ubriaco al volante, sull’Isola d’Elba

Un concentrato di “malasanità” in un solo uomo, e solo per puro miracolo non si è trasformato in un caso di malasanità vera, cioè in errori medici fatali. Perché il dottore originario dell’Isola d’Elba, guardia medica da anni, arrestato ieri dai carabinieri di Portoferraio non soltanto era assenteista sul lavoro ma guidava oltre i limiti e in stato di ebbrezza, usando l’auto aziendale.

Una serie di crimini che supera forse di poco la serie di accuse che gli pioveranno addosso: truffa aggravata continuata ai danni dello Stato, peculato ed interruzione di un pubblico servizio, guida in stato di alterazione mentale (con ritiro di patente) e superamento dei limiti di velocità. L’uomo era sparito dal suo posto di lavoro mercoledì 27 aprile, 24 ore prima della conclusione del suo turno. La denuncia ai carabinieri aveva fatto scattare le ricerche che hanno portato sulle tracce del medico, lontano dal luogo di competenza, alla guida della macchina aziendale dell’ASL di Livorno, insieme alla compagna. Una volta fermato e sottoposto al test alcolico, l’uomo è risultato positivo con un considerevole tasso pari a 1,72 g/l, molto oltre la quantità consentita.
Inutili le giustificazioni dell’uomo, che ha tentato di dire che stava andando a fare una visita d’urgenza. Oltre ad aver verificato che non era vero, i carabinieri non gli avrebbero mai permesso di mettere le mani su un paziente in quel chiaro stato di ubriachezza. La guardia medica ora resterà chiusa, per lui, per diverso tempo. Dovrà rispondere a molti perché e forse pagare con qualche mese di prigione.

admin

x

Guarda anche

Svezzamento, come preparare il brodo vegetale

Come raccomandato dagli esperti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, al compimento dei 6 mesi i bimbi ...

Condividi con un amico