Home » Benessere » Dr. Google, la diagnosi si cerca online

Dr. Google, la diagnosi si cerca online

Sono undici milioni e mezzo gli italiani che usano il web per cercare informazioni sulla salute, con una crescita esponenziale di video, tutorial e informazioni attraverso i social network. Quanto ci si rivolge a “Dr. Google” è il tema dell’indagine oggetto di un Open Lab di Gfk sul tema “Digital Health: la comunicazione scientifica nell’era digitale”. Secondo la ricerca, infatti, oggi un italiano adulto su due ricerca attivamente informazioni relative alla salute. Fra questi, quasi la metà utilizza strumenti e canali digitali per informarsi. I siti web (specializzati e generalisti) rimangono una fonte importante per chi è alla ricerca di informazioni in tema di salute, ma anche blog, forum e social media sono diventati un’importante piazza di confronto e discussione. Spopolano i video: per alcune patologie i video rappresentano circa un terzo di tutti i contenuti digitali. Cresce anche l’utilizzo di dispositivi e App per la salute: un possessore di smartphone su tre si dichiara interessato a scaricare App o utilizzare wearable per monitorare i parametri vitali e gli stili di vita.

I più attenti alla salute sono anche quelli che si informano con maggiore frequenza. Ma cosa si cerca online? Primo posto per le  informazioni connesse alle malattie (78%) e le possibilità di cura (62%), ma anche su farmaci (45%), su medici e centri di eccellenza specializzati (36%). Niente paura per i professionisti: la figura del medico, comunque, rimane un punto di riferimento centrale quando si è alla ricerca di informazioni relative alla salute: l’82% dichiara di rivolgersi al medico di famiglia, il 62% allo specialista. Seguono come fonti di informazione preferite il farmacista, presidio di riferimento sul territorio (37%), la cerchia di amici e parenti (32%) e i media (20%). Sempre più digital anche i medici: i device digitali sono usati sia per l’aggiornamento professionale, sia per la comunicazione e la gestione del paziente a distanza (tramite e-mail, WhatsApp o grazie all’aiuto di App e diari online).

admin

x

Guarda anche

“Niente vaccino, niente asilo”. Entra in vigore la legge in Emilia Romagna

Uno dei cambiamenti che potrebbe entrare in vigore col famoso referendum del 4 dicembre è ...

Condividi con un amico