Home » Benessere » Seduti più di 3 ore al giorno equivale a morire

Seduti più di 3 ore al giorno equivale a morire

I ricercatori americani di recente hanno condotto alcuni studi sulle cause di diabete, problemi circolatori e di metabolismo e hanno convenuto che il problema principale per tutti è lo star troppo fermi. In particolare, se si sta seduti per più di 3 ore al giorno, ogni giorno, si rischia di morire precocemente. Lo studio è stato quasi planetario ed è stato svolto nell’arco di 11 anni su 54 Paesi diversi.

Buona parte delle persone intervistate trascorre la giornata seduta. Chi per motivi scolastici, chi per lavori sedentari, chi per pigrizia o per problemi come l’obesità che in questo modo si aggravano. La prima cosa che rallenta è il metabolismo, si digerisce male, si bruciano meno grassi, rallenta anche la funzionalità dell’intestino con tutta una serie di problemi fastidiosi. Poi rallenta la circolazione, e con essa la funzionalità del cuore. Il rischio è quello di andare incontro a fenomeni come trombi, alterazioni del ritmo cardiaco, o addirittura infarti e ictus.

E dire che basterebbe pochissimo per salvarsi la vita. Basta diminuire anche solo di 30 minuti il tempo sedentario. Basta alzarsi e camminare per la stanza (o meglio, fare una rampa di scale) ogni 50 minuti, dedicando così 10 minuti ogni ora allo scioglimento di muscoli, articolazioni e sangue. Basterebbe solo questo per vivere meglio. Ovviamente il consiglio migliore è quello di aggiungere il movimento, la palestra o anche solo una passeggiata col cane alle nostre giornate. Imparare a muoversi ogni giorno come abitudine quotidiana. Anche la scuola si dovrebbe adeguare, come avviene in alcune classi elementari degli USA dove i bambini seguono alcune lezioni seduti e altre in piedi, spostandosi per l’aula. Anche se è vero che i giovanissimi hanno molta energia in corpo da bruciare, e il tempo per muoversi durante il giorno davvero non gli manca.

admin

x

Guarda anche

Dati falsati per “finire il turno prima”: bimbo nasce con gravi danni

La Procura di Catania sta indagando, e ha già posto in stato di fermo, due ...

Condividi con un amico