Home » Benessere » Biopsia tumorale con analisi del sangue

Biopsia tumorale con analisi del sangue

Sempre più avanzata la tecnologia medica nel campo della prevenzione. Nuove ricerche e i test efficaci hanno messo a punto un nuovissimo metodo che forse manderà in pensione la odiosa biopsia, esame purtroppo utilissimo in caso di tumore. Eppure avanza sempre più l’ipotesi che si possa “osservare” la presenza della malattia solo grazie a un prelievo di sangue.

L’hanno ribattezzata “la biopsia liquida”, perché rapida, meno dolorosa e soprattutto utilizza un liquido -il sangue- per fare tutto. Sono stati analizzati in questo senso 10.000 pazienti affetti da 50 tipi diversi di tumore e i risultati, molto incoraggianti, sono stati presentati a Chicago ad un convegno che andrà avanti fino al 7 giugno. Il medico effettuerà un semplice prelievo di sangue e cercherà nel campione dei frammenti anomali di DNA, spie di un probabile tumore.
Non solo si può così scoprire la malattia per tempo, e senza i tempi lunghi della biopsia, ma se è già in corso si potrà controllare il progredire del tumore o il suo cambiamento nel tempo, prevedendo e adattando le terapie in base alle novità presenti.

Il test del sangue relativo ai tumori si è dimostrato efficace in tutte queste sue parti sia nei pazienti con cancro al polmone avanzato (nel 37% dei casi), sia in pazienti con cancro al seno (14%), sia in chi soffriva di cancro al colon-retto (10%). Ma la maggioranza di efficacia si è ottenuta in pazienti vari che soffrivano di diverse altre forme (anche minori) di tumore con un 39% dei casi su cui la diagnosi tramite analisi del sangue ha avuto successo immediato. Per pazienti e medici questo significa velocizzare di molto i tempi di prevenzione e cura delle malattie, aumentando notevolmente la sopravvivenza.

admin

x

Guarda anche

Cosa è la “depressione da facoltà di Medicina”?

Tranquilli, non è una nuova sindrome, ma un fenomeno da studiare comunque. Si tratta di ...

Condividi con un amico