Home » Benessere » La App che aiuta l’ambulanza

La App che aiuta l’ambulanza

Entrerà in funzione in Umbria il primo sistema satellitare di localizzazione di un paziente per le ambulanze. Sembra una rivoluzione incredibile, in realtà vien da pensare: perché non ci si è pensato prima? Tante volte il soccorso potrebbe essere tempestivo e salvare più vite umane se chi guida l’ambulanza trovasse subito l’indirizzo o il modo più rapido per raggiungere un certo luogo. Così nasce l’idea di fornire una “guida” satellitare ai soccorritori con HELP GPS UMBRIA SOCCORSO.

Quando giunge la chiamata al 118, la applicazione che funziona sui cellulari moderni di qualsiasi modello individua con esattezza il luogo preciso da cui proviene e anche la via più rapida per raggiungerlo. Dopo di che segnala all’ambulanza più vicina la chiamata e quella si troverà già sulla via verso il soccorso. Un po’ come funziona il servizio radio della polizia, ma con in più l’aiuto del sistema satellitare gps. Già scaricabile per i sistemi di Android -prossimamente anche da quelli di Apple- la App è stata presentata con successo presso l’ospedale di Perugia.

In Italia la prima regione a dotarsi di questo sistema è stata la Lombardia, anche se veniva usato in modo diverso dal cellulare. Con la App per dispositivi mobili la richiesta è ancora più veloce ed efficace e fornisce un aiuto prezioso in particolare quando si deve intervenire in zone extraurbane e in ambienti impervi. Se non avete il cellulare nuovo nessun problema, il dispositivo moderno non sopprime la vecchia chiamata al 118 ma la integra con un aiuto in più. In Umbria, lo scorso anno, ci sono state 62.350 uscite totali dei mezzi di soccorso opsedaliero con i due terzi degli interventi relativi a codici rossi e gialli (rispettivamente 10.793 e 30.340 casi). Troppi gli interventi ritardati da ostacoli o disguidi dovuti alle condizioni delle strade. Ostacoli che HELP GPS dovrebbe ora eliminare del tutto.

admin

x

Guarda anche

Cosa è la “depressione da facoltà di Medicina”?

Tranquilli, non è una nuova sindrome, ma un fenomeno da studiare comunque. Si tratta di ...

Condividi con un amico