Home » Benessere » Un “copiaincolla” che elimina l’AIDS

Un “copiaincolla” che elimina l’AIDS

Il “copiaincolla” che tutti conosciamo dai programmi dei nostri computer è stato reinventato e riutilizzato, con altri mezzi e scopi, dai ricercatori scientifici e forse si è trovata la soluzione che tanto si attendeva per dare il colpo finale all’AIDS. Scienziati italiani (Università di Milano) e americani (Temple University) hanno creato insieme le “forbici molecolari”.

Si tratta di un esperimento che promette molto bene al punto da esser stato pubblicato su GENE THERAPY, rivista che fa parte della prestigiosa “Nature”. Dopo aver inseguito per anni questo virus mutante, dopo aver ideato cure su cure che finivano nel nulla ogni volta che lo HIV cambiava aspetto, le “forbici molecolari” hanno permesso di “eradicare il genoma del virus dalle cellule di pazienti sieropositivi” strappando direttamente il problema dal corpo, senza combatterlo con terapie e farmaci. Autori della idea geniale sono stati i professori Kamel Khalili della Temple University, e Pasquale Ferrante, docente di microbiologia e microbiologia clinica al Dipartimento di scienze biomediche e chirurgiche con l’aiuto di altrettanti validi colleghi (come la dottoressa Ramona Bella).

La tecnica utilizzata, in termini tecnici, si chiama Crispr/Cas9 ed era già utilizzata in ingegneria genetica per tagliare il genoma e rimuovere determinate sequenze. I ricercatori di questo studio l’hanno applicata al terribile virus HIV e a quanto pare sta funzionando senza brutte sorprese. Il virus si apre la strada dentro la cellula umana, la trasforma a sua immagine e somiglianza e così diventa introvabile. Ma se queste cellule già infette vengono private proprio sella sequenza DNA con cui sono state “catturate” si dovrebbe fermare anche la fuga eterna del virus. Una tecnica usata per infettare artificialmente delle cellule in modo da studiarne il comportamento, oggi è servita per il processo opposto. Togliere l’infezione dalla cellula per vedere se la malattia regredisce. Finora pare di sì … il cammino comunque è ancora in corso.

admin

x

Guarda anche

Cosa è la “depressione da facoltà di Medicina”?

Tranquilli, non è una nuova sindrome, ma un fenomeno da studiare comunque. Si tratta di ...

Condividi con un amico