Home » Benessere » Medici criminali: che succede in Italia?

Medici criminali: che succede in Italia?

dottore criminale

Non può definirsi criminale ma solo disperato, il medico pugliese che ha ucciso moglie e figlio in un attacco di gelosia insensato. Tuttavia ha commesso un crimine, e come lui di questi tempi ce ne sono tanti. Troppi. Medici che scherzano sugli interventi dei pazienti, che si fanno i “selfie” vicino ai moribondi… e anche peggio come ci dice la cronaca di ieri e oggi.

E se il dottore di Reggio Emilia che una settimana fa ha lasciato agonizzante per terra un uomo dopo averlo investito con la propria auto, senza prestargli aiuto, si può giustificare con il panico e la paura del momento di shock, rimane sempre il fatto che l’omissione di soccorso -da un medico per giunta!- è un crimine. Poi c’è l’orrore avvenuto in provincia di Catania, dove un medico di 70 per anni avrebbe fatto prostituire la moglie vittima anche di violenze domestiche. Che succede ai camici bianchi in Italia? Viene da chiederlo.

Si tratta di persone che nel loro lavoro di tutti i giorni accolgono, aiutano, curano, salvano la vita. Come è possibile che nascondano tanto bene un lato mostruoso, a volte anche per anni, e come si concilia questo con il giuramento che la loro professione gli impone, con gli studi che fanno e con l’attenzione che devono avere per il genere umano? Se qualcosa stia funzionando male nelle nostre facoltà di Medicina o se la crudeltà di certe azioni è da attribuire solo ai brutti tempi in cui viviamo è difficile a dirsi. Il medico però è una figura che dovrebbe garantire serenità e sicurezza, e se non ci si può fidare nemmeno di loro al punto anche da temere certe reazioni bisogna davvero interrogarsi su molte cose.

admin

x

Guarda anche

eiaculazione-problema

Sesso: come curare l’eiaculazione precoce in modo naturale

L’eiaculazione precoce è un problema di molti uomini, non soltanto giovani! E’ un disturbo che ...

Condividi con un amico