Home » Benessere » Rischia la vita a 3 anni, figlia di genitori vegani

Rischia la vita a 3 anni, figlia di genitori vegani

E’ una guerra di nervi e parole, mentre lei, la bimba di soli 3 anni, combatte in un letto per sopravvivere. Ricoverata alcuni giorni fa in stato di emergenza al “Gaslini” di Genova, la figlia di una coppia di genitori vegani oggi ha lasciato la Rianimazione – dove era stata seguita per uno stato di sofferenza generale dovuto a gravi carenze di vitamina B2 in corpo- e proseguirà la convalescenza in reparto.

La guerra di nervi è quella dei genitori che replicano ai medici e alle loro diagnosi: “Nostra figlia è malata, ma non certo perchè segue una dieta vegana”, dicono sicuri. I dottori invece ribadiscono che per i bambini occorre una dieta onnivora, ricca di tutte le proteine naturali. E la carenza di carne e latticini causa malattie che possono avere risvolti anche terribili, a quell’età. Per fortuna adesso “le condizioni della bimba sono in miglioramento, ma la degenza sarà ancora lunga” dicono al “Gaslini”. E’ la terza volta che a Genova si verifica un caso simile, ovvero bambini in fin di vita a causa di alimentazioni sbagliate o eccessivamente limitate.

I genitori della bimba assicurano di non essere osservanti al cento per cento, della dieta vegana, infatti mangiano ogni tanto anche uova e qualche formaggio, ma ai medici risulta diversamente. I bambini piccoli possono seguire la dieta vegana dei genitori ma solo se seguiti costantemente da un pediatra che corregga eventuali carenze. La migliore dieta è quella equilibrata, peché è vero che troppa carne e troppi grassi fanno crescere i bambini male, ma è anche vero che carne e grassi forniscono proteine importanti per i primi anni, dunque vanno dosate come si deve. La famiglia della bambina pare abbia imparato la lezione, tanto che i genitori comunque collaborano con i dottori senza problemi. In futuro, certamente, staranno più attenti.

admin

x

Guarda anche

Ricerca: ecco come una persona paralizzata torna a bere il caffé

Se ne parlava da diverso tempo, di questo “esoscheletro elettronico”, ovvero una sorta di struttura ...

Condividi con un amico