Home » Benessere » Orgasmo femminile: niente “punto G”, il segreto è nella preistoria

Orgasmo femminile: niente “punto G”, il segreto è nella preistoria

Fino a poco, pochissimo, tempo fa si credeva che l’orgasmo femminile fosse strettamente legato alla riproduzione. Che fosse, insomma, un “segnale” palese della condizione di fertilità immediata della donna e indicasse quindi il momento esatto per concepire. Ciò però non spiegava come mai non tutte e non sempre raggiungessero il picco massimo del piacere sessuale … voleva dire che quelle donne non erano fertili al momento giusto?

Nuovi e più recenti studi hanno finalmente slegato l’orgasmo femminile dal concetto di “riproduzione”. Esso non ha nulla a che vedere col momento esatto del concepimento e non ha a che vedere col misterioso “punto G” ricercato invano da 20 anni da medici e mariti di tutto il mondo (salvo poi scoprire che nemmeno esiste!!). La verità è che il piacere femminile, come quello maschile ma in maniera più complessa, dipende dal cervello e il cervello, si sa, è un organo ancora inesplorato in tutte le sue potenzialità. Confrontando le reazioni sessuali di diverse specie di “femmine” (scimmie, topi, cavalli, delfini, koala e esseri umani) l’Università di Yale ha capito qualcosa in più sull’orgasmo della donna: un meccanismo che produce ovuli durante il sesso che si è evoluto fino a non esserne determinante.

Insomma, in tempi molto antichi è vero che l’orgasmo femminile serviva esclusivamente al concepimento, favorendo la liberazione degli ovuli grazie agli spasmi del piacere. Ma con l’evoluzione, questa funzione è divenuta secondaria e ha lasciato il posto principale al semplice “piacere” fine a se stesso. L’orgasmo umano insomma sta nel mezzo tra “ovulazione indotta dal maschio” (quando il piacere è generato solo nel momento in cui l’azione del maschio sul corpo della femmina scatena l’orgasmo, come avviene negli animali) e “ovulazione spontanea” che può avvenire anche senza contatto sessuale, stimolata dal cervello. Il fatto che l’orgasmo umano sia un “ibrido” spiegherebbe perché alcune donne possono anche affrontare un rapporto completo senza sentire orgasmo (spontanee) e altre invece appena vengono toccate arrivano al piacere estremo (indotte).

admin

x

Guarda anche

Ricerca: ecco come una persona paralizzata torna a bere il caffé

Se ne parlava da diverso tempo, di questo “esoscheletro elettronico”, ovvero una sorta di struttura ...

Condividi con un amico