Home » Benessere » Colombia: da oggi tutti sono donatori di organi per legge

Colombia: da oggi tutti sono donatori di organi per legge

In Italia la donazione di organi era quasi sconosciuta (o volutamente ignorata) fino a metà degli anni Novanta. Dopo di che, è divenuta una libera scelta, spesso però affidata alle ultime volontà della persona o alla decisione dei parenti. Poi la legge, che permetteva di iscriversi al Registro dei Donatori e dare così un consenso scritto in vita e in possesso delle proprie facoltà mentali, così da non lasciar dubbio alcuno. In Colombia, invece, si è andati parecchio oltre.

Secondo la decisione del Governo, da oggi in poi donare gli organi sarà OBBLIGO PER TUTTI. O meglio, tutti i cittadini -alla loro morte- saranno automaticamente donatori (se le condizioni del corpo lo consentono) e non ci sarà bisogno di consensi né di decisioni tra parenti. Unico modo perché ciò non avvenga è dichiarare, in vita, di ESSERE CONTRARIO ALLA DONAZIONE, mettendolo nero su bianco. In quel caso, il corpo non va toccato. Il Parlamento di Bogotà ha inserito la legge nella riforma della preesistente “presunzione legale di donazione di organi”.

Con questa decisione, di fatto, l’unico interlocutore con i medici sarà la persona interessata… viva o morta che sia. A meno di un palese rifiuto dichiarato in vita, il deceduto diventerà donatore e la famiglia non avrà alcuna voce in capitolo a riguardo. La decisione è stata presa anche a fronte della enorme emergenza degli ospedali colombiani, dove oltre 2.000 persone attendono (spesso invano) un organo, in un Paese dove tra credenze indigene e ferree leggi morali cattoliche è difficile uscire dalla superstizione del “dopo vita”. Lo scorso anno solo 195 persone su milioni si sono iscritte alle liste di donatori volontari. Troppo poche, e troppo tardi.

admin

x

Guarda anche

Per mantenere un viso giovane… non usate il cellulare!

Se volete mantenere un bel viso giovane, senza rughe né doppio mento, fareste bene a ...

Condividi con un amico