Home » Benessere » Psichiatria: ecco il gene che potrebbe curare la schizofrenia

Psichiatria: ecco il gene che potrebbe curare la schizofrenia

ansia 2

La schizofrenia colpisce sempre più persone nel mondo. Derivata certamente dalla predisposizione, viene accentuata e favorita da condizioni esterne (lavoro, società, politica) che aumentano le ansie e il senso di paura in questi soggetti. Chi soffre di schizofrenia (300.000 in Italia, 24 milioni nel mondo) prova allucinazioni, deliri, comportamenti sconnessi, ma anche deficit cognitivi.

I sintomi cambiano, e a volte possono manifestarsi in reazioni pericolose. Curarla costa moltissimo, ignorarla è impossibile perché si ritorce sulla vita quotidiana. La ricerca ha già fatto notevoli passi avanti nella cura, anche se non si è trovata quella definitiva. Oggi, nuovi studi si orientano sui test genetici, così da favorire la diagnosi precoce e le terapie che devono essere personalizzate. I ricercatori dell’Istituto Italiano di Tecnologia IIT, degli Istituti Nazionali di Sanità NIH statunitensi e delle Università di Padova e di Cagliari hanno scoperto il ruolo chiave di un gene, chiamato Arc (Activity-Regulated Cytoskeletal-associated postsynaptic signaling complex).

I primi esperimenti si sono svolti sui topi, dove diminuendo l’azione di Arc si è visto che si sono manifestati prima i sintomi della schizofrenia. In particolare c’è stata azione sui deficit cognitivi selettivi, le disfunzioni sociali, la perdita di alcune abilità senso-motorie e l’ipersensibilità certe cure. Arc infatti regola l’emissione di dopamina, per cui eliminando la sua azione i livelli di questa si riducono nella corteccia prefrontale ma aumentano nel tessuto dello striato creando quello sdoppiamento senza controllo che è tipico dei malati. Adesso si tenterà di lavorare di più sull’azione di questo gene e di programmare la sua presenza nei casi di schizofrenia per vedere se effettivamente si ottiene quell’equilibrio che altrimenti è perduto.

admin

x

Guarda anche

sesso-1

Sesso: come si misura l’orgasmo femminile

Ma come si fa a capire il piacere delle donne? E’ un problema talmente serio, ...

Condividi con un amico