Home » Benessere » “Così convivo con milioni di nei”, incredibile storia di Yuliana

“Così convivo con milioni di nei”, incredibile storia di Yuliana

Yulianna ha 23 anni e vive a Odessa, in Russia. Quando è nata il suo corpo ha cominciato a ricoprirsi di nei e già dopo i primi anni di vita era talmente piena da apparire quasi marrone, la pelle completamente nascosta da quelle imperfezioni della pelle che poi sono dei minuscoli tumori benigni. I medici avevano dato poche speranze ai genitori: avrà una vita difficile, da emarginata, con molti fastidi e complicazioni.

Tutto per colpa del NEVO MELANOCITICO CONGENITO, un disturbo che porta la sua pelle a produrre nei senza sosta al punto che effettivamente a livello estetico la pelle di Yuliana non è affatto una pelle normale. Ma lei ha deciso, anche grazie all’aiuto della famiglia, di sentirsi normale ugualmente. E così ha impostato la propria vita sul sorriso e l’ottimismo, anche quando la gente la evitava o la derideva. E oggi che il mondo viaggia sul web, Yuliana ha deciso di mostrarsi anche oltre i confini di quartiere e non si risparmia i “selfie”! Vivace e determinata, è passata oltre tanti episodi di bullismo e oltre gli sguardi schifati degli estranei, quando cammina per strada.

Per fortuna ha parenti e amici che le vogliono bene e che la circondano di affetto. Oggi Yuliana non solo non ha avuto la vita difficile prevista dai medici, ma è diventata un modello da imitare per gli altri malati di NMC che guardano a lei come a un’eroina. Le frasi che accompagna alle foto e che vengono “retwittate” su tanti profili dei social sono sempre esplosioni di felicità e positività, un esempio su tutti: “Bisogna sorridere! Se cammini ricurvo e con la faccia triste, gli altri ti tratteranno come una persona triste e la gente sentirà di poterti fare del male”. Per questo lei tiene la testa alta e il sorriso sempre sulle labbra. Tra un neo e l’altro, questo risplende sicuramente.

admin

x

Guarda anche

Ricerca: ecco come una persona paralizzata torna a bere il caffé

Se ne parlava da diverso tempo, di questo “esoscheletro elettronico”, ovvero una sorta di struttura ...

Condividi con un amico