Home » Benessere » Studio italiano scopre come prevenire la formazione del tumore

Studio italiano scopre come prevenire la formazione del tumore

Uno studio italiano ha scoperto forse la nuova cura contro il cancro, grazie a determinate ricerche che hanno messo in luce il meccanismo con cui il tumore attiva la distruzione cellulare. L’azione killer viene dalla particella PD-1 che neutralizza le difese anticancro e fa impazzire in un attimo le cellule sane. In pochi istanti, cellule perfette diventano malate e fanno partire masse anomale e metastasi.

Sono stati i ricercatori del “Bambino Gesù” di Roma insieme al Dipartimento di Medicina Sperimentale dell’Università degli Studi di Genova a portare avanti il progetto fino a giungere alla felice conclusione. Si era già individuato un “interruttore” del cancro, negli anni passati, ma il processo specifico di questa formazione non era ancora stato individuato. Ora i risultati dello studio italiano, pubblicati sulla rivista scientifica “Journal of Allergy and Clinical Immunology”, hanno permesso di identificare PD-1 sulla superficie cellulare. Lo studio è in grado di dimostrare che nei pazienti malati di tumore le cellule killer (che ci difendono dalla malattia) vengono bloccate nella loro azione di difesa dall’azione attiva di questo elemento.

Una volta capito come si attiva l’attacco del tumore, i ricercatori hanno anche capito come intervenire. La soluzione non è post-attacco ma preventiva: il muraglione di difesa che il tumore usa per fermare il nostro sistema immunitario può essere bloccato prima che si formi. Le sperimentazioni si faranno, per cominciare, su quei tipi di tumore controllabili dalle cellule killer del nostro sistema immunitario e che si prestano meglio per la formazione di anticorpi che poi verranno usati anche contro i tumori più aggressivi. Altri studi dovranno completare l’opera di conoscenza e reazione, ma si può già ipotizzare che la prevenzione applicata contro il PD-1 potrebbe agire non soltanto nei tumori degli adulti ma anche in quelli pediatrici. I test genetici aiuteranno moltissimo a capire chi è a rischio per via di predisposizioni naturali.

admin

x

Guarda anche

Cosa è la “depressione da facoltà di Medicina”?

Tranquilli, non è una nuova sindrome, ma un fenomeno da studiare comunque. Si tratta di ...

Condividi con un amico