Home » Benessere » Somatizzazione: quando il corpo “inventa” le malattie

Somatizzazione: quando il corpo “inventa” le malattie

Somatizzazione. Una parola che avete sentito dire decine di volte, forse anche riferita a voi stessi. E’ quel fenomeno che avviene quando il corpo letteralmente “inventa” dei disturbi o delle malattie come reazione psicologica a qualche fattore esterno. Per esempio, ho paura dell’esame, mi viene il mal di pancia, ho paura del primo rapporto sessuale, mi viene un prurito intimo, e così via.

Nei casi più gravi la somatizzazione può portare al salto del ciclo mestruale o a gravidanze isteriche, nelle donne, e a problemi di prestazione sessuale o a falsi attacchi di cuore negli uomini. Le somatizzazioni più comuni sono legate a dolori improvvisi, problemi gastrointestinali e difficoltà sessuali ma possono essere anche cefalee, mal di schiena, dolori alle ossa. Ne soffrono di più le persone ipersensibili o quelle facilmente impressionabili. Si può somatizzare per eccesso di sforzo fisico, per stress, ma soprattutto per paura.

E un medico come fa a capire quando si tratta di veri disturbi e quando di illusioni? Dovrebbe farlo con una visita approfondita. Se non ci sono riscontri fisici a un dolore al cuore, alle ossa o alla schiena è chiaro che è una illusione. Conoscendo il soggetto, poi, si capisce meglio il problema. Chi somatizza di solito è una persona che non sa esprimere le proprie emozioni a voce e dunque le esprime con un allarme falso sul corpo. Infine, un bravo medico deve comunque controllare… anche in presenza di sospetta somatizzazione, perché alcune malattie gravi possono essere accompagnate da sintomi poco chiari che inizialmente fanno credere a un capriccio, ma dopo portano a diagnosi pesanti.

admin

x

Guarda anche

Dati falsati per “finire il turno prima”: bimbo nasce con gravi danni

La Procura di Catania sta indagando, e ha già posto in stato di fermo, due ...

Condividi con un amico