Home » Benessere » La trombosi uccide più del cancro

La trombosi uccide più del cancro

E dire che facciamo di tutto e diciamo di tutto per combattere il cancro. I tumori sono le malattie che, insieme a quelle cardiache, ci tolgono il sonno e ci riempiono di dubbi sul futuro. Eppure il vero nemico, a volte, nemmeno lo vediamo. La trombosi, per esempio, un problema che dalle statistiche pare causi più morti di tumore e infarto messi insieme. Quanti di noi sanno cos’è?

Colpisce le donne più che gli uomini, creando dei coaguli di sangue che possono andare a bloccare i vasi sanguigni e a seconda di dove questo capita si possono avere disturbi più o meno gravi. Se si ostruisce un vaso che va al cuore, al cervello o all’intestino si può anche morire. Infarti e ictus sono logiche conseguenze di questo evento, e quando parliamo di “infarto” non intendiamo solo quello al muscolo cardiaco ma anche -appunto- all’intestino o al cervello. Tra le donne la prima causa di trombosi è la menopausa (54% dei decessi contro il 18% causato dal cancro!).

Ma perché il sangue si coagula e forma questi tappi? E perché solo in alcune persone? C’è sempre un fattore genetico di base, che indica la possibile ripetitività se in famiglia ci sono casi pregressi. Poi, a questo, si aggiungano sedentarietà, traumi, infiammazioni, lunghi periodi di immobilità sotto pressione (viaggi in aereo), l’azione di alcuni farmaci chemioterapici. Per questo il controllo continuo è importante così come è importante condurre uno stile di vita il più possibile moderato: niente fumo, poco alcol, molto esercizio, controllo costante di colesterolo e trigliceridi e visite cardiache possibilmente ogni sei mesi, o per lo meno annuali. In caso di familiarità, segnalate il rischio al vostro medico e fatevi consigliare da lui sul da farsi per una accurata prevenzione.

admin

x

Guarda anche

Ecco perché gli sbalzi termici ci fanno star male

Succede molto più spesso di quel che pensiamo, soprattutto d’estate. Beviamo acqua gelata per combattere ...

Condividi con un amico