Home » Benessere » Lo sport diminuisce il rischio di morte in chi beve alcolici

Lo sport diminuisce il rischio di morte in chi beve alcolici

Uno studio del British Journal of Sports ha evidenziato come il movimento fisico costante aiuti, oltre che a prevenire problemi oncologici e cardiaci, anche a eliminare la dipendenza da alcolici e a curare chi già ne soffre. Centocinquanta minuti di ginnastica a settimana, ovvero 20 minuti circa al giorno, allontanano il rischio di cadere nella trappola dell’alcol e di morire prematuramente con uno dei disturbi che ne derivano.

La ricerca, condotta tra Australia, Canada e Regno Unito (dove la dipendenza da alcol è quasi comune) ha analizzato il consumo giornaliero, settimanale, mensile di alcol e la frequenza dell’attività fisica di oltre 36.000 persone di età superiore a 40 anni. Le persone sono state suddivide in 6 categorie (bevitori occasionali, normali, super, consumatori dipendenti, ex bevitori e astemi). Ovviamente chi beveva in modo incontrollato moriva prima, chi non beveva poteva vivere a lungo salvo contrarre malattie comuni come il tumore o disturbi cardiaci. Ma nello specifico, chi praticava ginnastica in modo costante riusciva a salvarsi dal conteggio della morte di queste statistiche.

Tanto è vero che, tra coloro che bevevano regolarmente o in modo compulsivo, chi era abituato a fare sport o ginnastica quotidiana vedeva comunque ridotto il rischio di mortalità. Questo perché lo sport dona soddisfazione fisica e mentale e spinge a non cercare altrove il modo di placare questi desideri. Però ciò non giustifica l’uso sfrenato di alcolici. L’alcol continua a uccidere, anche se fate sport ogni giorno. La diminuzione del rischio non vuol dire la sua eliminazione, ma soltanto che avrete 8 possibilità di morire invece di 10. La soluzione radicale sarebbe quella di controllare SEMPRE l’assunzione di alcolici nel quotidiano, magari sì… aiutandosi con un po’ di palestra.

admin

x

Guarda anche

Menopausa: perché potrebbe far male ai polmoni

Arriva dalla Norvegia, Università di Bergen, una notizia che mette in ansia il mondo della ...

Condividi con un amico