Home » Benessere » La macchina che “ringiovanisce” un rene di 80 anni

La macchina che “ringiovanisce” un rene di 80 anni

Da qualche tempo, ormai, non sembrano esserci limiti per le donazioni di organi. Una volta si potevano donare solo entro un’ora dall’espianto, oggi possono passare anche 24 ore. Una volta non si potevano donare gli organi degli anziani… oggi anche questo tabù è caduto. Lo dimostra l’intervento record avvenuto al Politecnico di Milano negli scorsi giorni dove si è trapiantato il rene “ringiovanito” di un ottantenne!

UN DONATORE DI 83 ANNI
Il donatore, un uomo di 83 anni, ha donato il proprio rene sano a un cinquantenne che soffriva di policistosi renale, malattia ereditaria che porta al lento deterioramento dell’organo e che si trovava già in condizioni gravi. Il problema era che un rene di 83 anni, sebbene sano, era già in parte consumato dall’età e le prospettive di durata erano molte meno di quelle sperate. Ma qui entra in gioco l’ultima novità in campo di medicina sperimentale: un macchinario speciale, in uso al Politecnico, in grado di “lavorare” i tessuti dell’organo e renderli “più giovani”.

TECNICA GIA’ IN USO
In pratica, la macchina elimina dall’organo prelevato tutte le scorie che si accumulano nel corso degli anni e le varie necrosi insorte dopo la morte del donatore. Le macchine di perfusione renale vengono usate in caso di trapianti tra bambini, soprattutto per adattare un organo cresciuto al corpicino dei neonati o dei piccolissimi. Si è provato a usare la stessa tecnica per gli organi anziani e si è visto, dopo questo primo esperimento, che effettivamente il risultato si ottiene. Il rene “ringiovanito” pare stia funzionando già bene, riducendo i rischi di rigetto e soprattutto quelli di eventuali dialisi da adattamento che seguirebbero l’intervento. Diminuisce anche il periodo di degenza e di recupero della salute. Un fiore all’occhiello della sanità lombarda che ora mira a ripetere l’evento con altri pazienti, recuperando così organi efficienti anche da donatori ritenuti “non idonei”.

admin

x

Guarda anche

Dati falsati per “finire il turno prima”: bimbo nasce con gravi danni

La Procura di Catania sta indagando, e ha già posto in stato di fermo, due ...

Condividi con un amico