Home » Benessere » Niente chemio: muore attrice cinese di 25 anni

Niente chemio: muore attrice cinese di 25 anni

Una giovane attrice cinese muore a soli 25 anni per un linfoma. Lo aveva annunciato alcuni mesi fa, dichiarando allo stesso tempo di non voler ricorrere alle cure “occidentali” (cioè la chemioterapia) perché temeva che la rendessero troppo debole e apatica distruggendo il suo talento. Al giornalista del “Guardian” che l’aveva intervistata, e che le chiedeva se non avesse paura di morire, così, lei aveva risposto: “Voglio vivere il tempo che mi resta felicemente”.

NIENTE FARMACI
Il suo tempo è finito ieri, il tumore che l’aveva colpita l’ha uccisa velocemente
e il suo caso fa notizia insieme ai recenti casi di cronaca, come quello della giovanissima Eleonora Bottaro che aveva rinunciato alla chemio per seguire le idee dei genitori, che si fidavano di un medico olandese che predica la forza interiore senza necessità del farmaco. Nel caso dell’attrice Xu Ting, però, non ci sono teorie alternative ma la decisione di vivere poco tempo ma viverlo “bene”. La Cina si affida ancora poco alla medicina e preferisce seguire i dettami di una millenaria scuola naturalistica che cura i disturbi del corpo con piante, meditazione e pozioni naturali. Xu aveva scelto l’agopuntura e la coppettazione, tipiche tecniche cinesi, e aveva messo online le foto del trattamento.

CURE PERSONALIZZATE E NON PESANTI
Non voleva guarire, solo vivere senza sentire troppo dolore. Il problema è che ha fatto lo stesso errore che hanno fatto i genitori di Eleonora, in Italia. Ovvero escludere una medicina efficace per una non molto efficace. In realtà, le due medicine (occidentale a base di farmaci e orientale a base di “natura e forza”) sono compatibili solo se usate insieme. La forza interiore che viene dal pensiero, dalla natura e dall’energia mentale aiuta il corpo a reagire bene alle terapie farmacologiche che però non si possono E NON SI DEVONO eliminare. Oggi, le chemio e radioterapie sono più attente ai bisogni dei pazienti perché sono costruite su ciascun individuo. Qualche disturbo lo daranno sempre, ma il medico può intervenire in corso d’opera proprio perché può personalizzare la cura man mano che procede. Il risultato è una maggiore efficacia con il minor numero di effetti collaterali. Forse chi teme ancora oggi la chemio non si è informato bene. L’informazione è l’arma migliore per salvare altre vite umane.

admin

x

Guarda anche

Dati falsati per “finire il turno prima”: bimbo nasce con gravi danni

La Procura di Catania sta indagando, e ha già posto in stato di fermo, due ...

Condividi con un amico